immagine-preview

Lug 11, 2018

Energy Observer, la prima nave a idrogeno approda a Venezia

L'odissea verde dell'equipaggio francese guidato dal capitano Victorien Erussard con l'ausilio dell’esploratore Jérôme Delafosse durerà sei anni e toccherà 101 porti in 50 Paesi

Energy Observer, la prima imbarcazione al mondo alimentata a idrogeno ed energie rinnovabili, è approdata a Venezia, 23° tappa del suo itinerario, alla marina dell’isola della Certosa.  L’imbarcazione futuristica a emissioni zero vi resterà fino al 16 luglio. Poi riprenderà il suo viaggio per i sette mari, o, come la hanno chiamata gli organizzatori dell’evento, francesi, la sua Odyssée pour le futur, Odissea per il futuro.

L’odissea verde della Energy Observer

Quello della Energy Observer è un vero e proprio tour attorno al mondo, iniziato nel giugno del 2017 da Saint-Malo,  in Bretagna. In totale, si prevedono ben sei anni di navigazione, durante i quali la ciurma ecologista” attraccherà in 101 porti lungo 50 diversi Paesi, con l’obiettivo di sensibilizzare l’opinione pubblica sul tema del carbon-free, dimostrando a tutti che è possibile navigare per miglia e miglia a impatto zero.

Nel cuore “verde” della nave a idrogeno

La nave prende dal mare ciò di cui ha bisogno per funzionare: rimuove il sale e gli ioni dall’acqua dell’oceano e poi li separa nei suoi elementi di base, idrogeno e ossigeno. Per garantire l’autosufficienza energetica della Energy Observer durante tutta la spedizione, l’idrogeno prodotto attraverso l’elettrolisi dell’acqua marina viene compresso e stoccato giorno e notte e convertito in energia elettrica tramite una pila a combustibile.

La ciurma green della Energy Observer è condotta dal capitano Victorien Erussard con l’ausilio dell’esploratore Jérôme Delafosse. “Tempo fa, durante una traversata atlantica – ha raccontato Erussard – ho avuto un problema con l’alimentazione della mia barca e solo allora mi sono reso conto che l’energia sta ovunque, tutto intorno a me. Piuttosto di impegnarmi nelle competizioni sportive da allora ho deciso di dedicarmi a questa imbarcazione futuristica che penso sia la soluzione per il domani. Energy Observer è una sfida tecnologica che vuole dimostrare al mondo che è possibile un altro futuro. E dato che vogliamo raccontare al mondo la nostra esperienza, abbiamo costituito un gruppo che non conta solo navigatori e tecnici, ma anche di esperti di comunicazione”.

Ma a Venezia l’Energy Observer in questi giorni sta effettuando uno scalo particolare: alla marina dell’isola della Certosa è possibile visitare un vero e proprio “villaggio itinerante”, composto da una mostra interattiva che si avvale della realtà virtuale e da un cinema che sfrutta la tecnologia immersiva a 360°. È aperto al pubblico con ingresso gratuito.

Leggi anche: Dual Fuel, c’è ancora speranza per i diesel?

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter