immagine-preview

Lug 14, 2018

Le startup di SocialFare incontrano gli investitori

Si sono presentate agli stakeholder: SEP Jordan, Kalatà, Ready4Study e MammaCult. Nel 2018 SocialFare Seed ha investito 310 mila euro erogati già nel corso del programma di accelerazione

Si è tenuto presso l’Intesa Sanpaolo Innovation Center a Torino il Social Impact Investor Day, giornata che ha concluso il programma di accelerazione per social impact startup di SocialFareCentro per l’Innovazione Sociale.

L’evento ha visto protagoniste le quattro startup accelerate da SocialFare nel periodo aprile/luglio 2018 e un panel di enti privati, business angel, private investor e family office. Presenti gli impact investor di SocialFare  Seed (Compagnia di San Paolo, Fondazione CRC, Finde S.p.A. e Fondazione Magnetto), veicolo privato di seed investment che investe nelle startup accelerate da SocialFare, ed altri interessati a sostenere la nascita, lo sviluppo e la scalabilità di imprese innovative in grado di generare valore economico dall’impatto sociale. In platea, fra gli altri: Oltre Venture, Club degli Investitori, Innogest Capital, Ersel, Fondazione Fits, Fondazione Housing Sociale, Fondazione Cottino, Finde.

Leggi anche: Terzo Settore in movimento | Dynamo Camp ha creato una propria piattaforma crowdfunding

Nel 2018 SocialFare Seed ha investito 310 mila euro erogati già nel corso del programma di accelerazione, mentre l’ammontare complessivo degli investimenti raccolti dal 2016 dalle accelerate startup ammonta a circa 3 milioni.

Quattro mesi di lavoro ad alta intensità in cui le startup selezionate attraverso la call FOUNDAMENTA hanno potuto accrescere le proprie competenze grazie al supporto di team di esperti in investment readiness, business delevolpment & strategy, systemic design, con mentor e advisor di altissimo livello e di accedere a nuove reti, occasioni di confronto e opportunità per sperimentare il proprio business model.

Il percorso fatto con il supporto dello Startup Acceleration Team ha permesso ai giovani – e giovanissimi – imprenditori di approcciarsi in maniera consapevole, matura e pronta al proprio mercato di riferimento.

Diverse le aree in cui operano le startup accelerate e le relative sfide sociali: ethic fashion, valorizzazione del patrimonio culturale e artistico italiano, mobilità degli studenti universitari, accesso ad attività educative e culturali family-friendly.

Le protagoniste del SocialFare

Agli investitori si sono presentate:

SEP Jordan, fashion brand di lusso fondato sul talento e la tradizione di artiste rifugiate

Kalatà, società che cura progetti di valorizzazione del patrimonio culturale italiano

Ready4Study, servizio che facilita l’ingresso degli studenti stranieri nelle Università italiane

MammaCult, piattaforma digitale che favorisce l’incontro fra genitori e attività culturali di qualità

 

Nelle prossime settimane StartupItalia! pubblicherà le loro storie tramite la viva vox dei loro protagonisti.

Leggi anche: Refugees Welcome: dopo “Aquarius” sempre più iscritti al social per accogliere i rifugiati

La giornata si è conclusa con un pranzo di networking finalizzato a favorire il confronto e la conoscenza fra startupper, investitori ed esperti del settore presenti. Gli investitori hanno comunicato a SocialFare i progetti che hanno suscitato in modo specifico il loro interesse e con i quali intendono essere messi in contatto per approfondire le possibilità di collaborazione e partecipazione attraverso investimenti nell’attività.

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter