immagine-preview

Lug 21, 2018

Tecno srl porta il Sud d’Italia ai vertici in fatto di consulenza energetica

L'impresa made in Napoli, attiva anche nel campo dei beni culturali, fattura 20 milioni di euro annui ed è alla ricerca di diverse figure professionali

Tecno srl è l’azienda di consulenza per l’efficienza energetica made in Napoli da 20 milioni di euro di fatturato annui. Insieme a Di Leo, azienda pugliese di prodotti da forno, è stata recentemente premiata da Deloitte tra le migliori imprese italiane, (“Best managed companies” è il titolo del riconoscimento) riuscendo a risultare una delle poche realtà del Sud Italia (l’altra, appunto, è Di Leo) a essersi distinta per strategia, competenze, impegno e performance.

Di cosa si occupa Tecno srl?

“Siamo consulenti per il risparmio e l’efficienza energetica in diversi settori aziendali, quali, principalmente, quelli manifatturieri, elettrici, di gas acqua e gasolio, ma non solo – spiega il dott. Giovanni Lombardi, fondatore e presidente di Tecno – copriamo anche il comparto autostradale, minerario, dei lavori pubblici, oltre al settore terziario e a diverse aziende di moda”.

Chi si affida ai dipendenti di Tecno, dunque, può monitorare, valutare e migliorare la propria produzione energetica. Ma, in che modo esattamente? “Grazie ad hardware e software da noi brevettati, l’azienda avrà un quadro completo della propria produzione energetica in tempo reale, in modo da poter migliorare i consumi e risultare più competitiva sul mercato. Sul benchmark di riferimento, i nostri professionisti valutano, grazie al software installato, eventuali criticità. In ogni caso, se si sfora la media, scatta immediatamente l’alert”, racconta il dott. Lombardi, precisando che ogni due settimane i dipendenti di Tecno si incontrano con i responsabili aziendali in questione per fare il punto della situazione.

Obiettivi presenti e futuri di Tecno srl

L’impresa, fondata nel 1999, conta oltre 2500 aziende clienti. Con sedi a Milano, Bologna, Napoli, Parigi e Berlino, Tecno ha ottenuto più successo nelle campagne digitali all’estero, piuttosto che in Italia. “Nel 2005, abbiamo creato la divisione dedicata alla realizzazione di interventi di efficientamento energetico e siamo stati una delle prime aziende italiane a conseguire la qualifica di ESCo – Energy Service Company – accreditandoci all’AEEG, l’Autorità Energia Elettrica e Gas”, continua Lombardi. Nel 2016, poi, è nata la divisione “Grandi Clienti”, che mette a disposizione la figura professionale del “control energy manager“: colui che, in tempo reale, allerta le imprese quando i benchmark vengono superati.

Per la propria crescita interna, Tecno punta sulla produzione propria di prodotti brevettati e sull’acquisizione e la partnership con startup di settore. Per quanto riguarda l’esterno, invece, la strategia è incentrata sulla vendita dei prodotti e sull’acquisizione di imprese.

Leggi anche: Ecosia, il motore di ricerca “green” che pianta alberi in giro per il mondo

Tecno è particolarmente attiva anche nel campo dei beni culturali. Oltre ad aver finanziato l’app gratuita, disponibile su iOS e Android, dedicata alla mostra organizzata dal Museo di Capodimonte, “Parade”, sostiene “Rivelazioni- Finance for Fine Arts”: il progetto promosso da Borsa Italiana per il restauro e la digitalizzazione di opere d’arte provenienti dai più importanti musei italiani. Tecno sarà anche tra gli organizzatori dell’hackathon del primo weekend di ottobre che si svolgerà a Napoli, nel museo di Capodimonte, da cui usciranno idee interessanti che mescolano l’ambito umanistico e culturale a quello tecnologico. Tra i temi: fintech, sanità e beni culturali. In palio ci sono 2.500 euro.

Infine, dal 2017 l’azienda supporta il progetto “Talents”, che prevede la selezione di più di 120 figure professionali durante il biennio 2018-2019. “Non siamo alla ricerca esclusiva di figure con un profilo informatico classico – precisa Lombardi – ma abbiamo bisogno anche di persone con competenze trasversali e di laureati in Informatica Umanistica”.

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter