immagine-preview

Ago 9, 2018

I laghi italiani soffocati dalla plastica

Lungo gli arenili dei bacini di Iseo, Maggiore, Como, Garda e Trasimeno Legambiente ha rinvenuto 2,5 rifiuti ogni metro quadrato di spiaggia

A soffrire per l’inquinamento da plastica non sono solo le coste italiane, ma anche i laghi del Bel Paese. A riportarlo Legambiente, al termine del primo monitoraggio a opera di Golletta dei Laghi.

Plastica, in tutti i luoghi e in tutti i laghi

L’indagine svolta da Legambiente, su protocollo Enea, ha monitorato 20 arenili dei laghi Iseo, Maggiore, Como, Garda e Trasimeno dove sono stati trovati una media di 2,5 rifiuti ogni metro quadrato di spiaggia, per un totale di 2183 prodotti inquinanti censiti. Tra i materiali più diffusi, ovviamente, la plastica, con un percentuale del 75,5%.

Leggi anche: Siete in spiaggia? La sabbia che state accarezzando è (anche) microplastica

Il problema dell’avvelenamento da microplastica

Non solo marine litter, insomma. Anche perché, come è ormai noto, i rifiuti di plastica sono tra i più longevi, inquinanti e pericolosi: possono frammentarsi in milioni di particelle e scomparire alla nostra vista, ma questo non vuole dire affatto che abbiano smesso di danneggiare l’ambiente, continuando a provocare danni, da invisibili, alla biodiversità animale e vegetale e riuscendo anche ad avvelenarci. Come? finendo negli acquedotti, i cui i filtri troppo spesso sono inadeguati a trattenerle. Lo scorso anno i laghi di Como e quello Maggiore sono risultati quelli in cui è stata rinvenuta la maggiore densità media di microplastiche per chilometro quadrato: rispettivamente 157mila e 123mila particelle.

Leggi anche: Il mare italiano scoppia di vita. Le mete ideali? Liguria per le balene, Sicilia per i coralli

Gli altri rifiuti: abbondano mozziconi e sacchetti di patatine

Ma nei nostri laghi non galleggia solo la plastica. A rovinare panorami da cartolina ci sono anche il vetro/ceramica (10,3%), seguiti da metallo (4,7%) e carta/cartone (4,1%). Non mancano, ovviamente, i mozziconi di sigaretta e gli accendini, al primo posto con una percentuale del 29,4%, a testimonianza dell’inciviltà di turisti, dei villeggianti e pure degli abitanti stessi; a seguire i frammenti di plastica, ovvero i residui di materiali che hanno già iniziato il loro processo di disgregazione; poi le bottiglie (e pezzi), i sacchetti di patatine e dolciumi (5,6%), gli shopper della spesa; bastoncini per la pulizia delle orecchie (3,5%) e i frammenti di carta (3,34%).

Secondo i tecnici di Legambiente, la cattiva gestione dei rifiuti urbani resta la causa principale della presenza dei rifiuti sulle sponde dei laghi monitorati (il 63% degli oggetti è riconducibile ad essa).

Leggi anche: PCUP, il “bicchiere circolare” per sconfiggere la piaga dell’usa e getta

La carenza dei sistemi depurativi, unita con la pessima abitudine di usare il wc e gli scarichi domestici come una pattumiera, è causa della presenza del 5,4% dei rifiuti presenti.

Acque tutt’altro che pure

Altro che chiare, fresce e dolci acque. Ruscelli e laghi italiani non sono certo più quelli cantati da Petrarca. Il 55% dei campionamenti eseguiti dai tecnici di Legambiente in 17 bacini evidenziano la presenza di cariche batteriche oltre i limiti di legge. Su 68 punti campionati in sei regioni italiane (Piemonte, Lombardia, Friuli Venezia Giulia, Veneto, Umbria e Lazio) ben 38 sono quelli giudicati “fortemente inquinati” e “inquinati”. Inutile proseguire con la battaglia per la pulizia dei mari se non si riesce prima a fermare il degrado ambientale che aggredisce fiumi e laghi dato che quelle acque sono destinate, prima o poi, a raggiungere gli oceani.

Leggi anche: Solo il 13% dei mari può dirsi ancora “incontaminato”. Così l’uomo ha addomesticato (e invaso) tutti gli oceani

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter