immagine-preview

Set 8, 2018

ColleghiAmoGenova: dopo il crollo del ponte Morandi le startup soccorrono la Superba

Con il viadotto fuori uso, la viabilità del capoluogo ligure è messa a dura prova, ma la solidarietà continua a stupire

A seguito del crollo del ponte Morandi, a Genova, continuano le iniziative di solidarietà per cercare di limitare (per quanto possibile) i danni della situazione attuale. Per questo motivo nasce “ColleghiAmoGenova”, il progetto per facilitare la viabilità della città, pensato per ricollegare le aree industriali più difficili da raggiungere.

Com’è nata l’iniziativa

“Su proposta di Talent Garden Genova (qui il sito), con cui collaboriamo da tempo per il servizio di carpooling aziendale attivo presso la loro sede al GREAT Campus, abbiamo risposto all’appello lanciato dal Comune per trovare possibili soluzioni per snellire il traffico. Abbiamo sviluppato il progetto ColleghiAmoGenova che si appoggia alla nostra piattaforma, normalmente utilizzata dai dipendenti delle aziende che attivano il servizio”, ci ha spiegato Gerard Albertengo, CEO & founder di Jojob (qui il sito), principale operatore in Italia di carpooling aziendale.

Come funziona

“Abbiamo voluto creare una pagina dedicata alla città di Genova per rendere il servizio fruibile a tutti i cittadini e, per facilitarne l’utilizzo, sono state individuate in città 10 aree quali punti di arrivo, con più alta densità di aziende, a ciascuna delle quali è stato abbinato un codice. Quando l’utente scarica l’app e si registra, inserisce il suo percorso casa-lavoro segnalando come punto di arrivo la zona in cui la sua azienda ha sede, così da individuare facilmente passeggeri o autisti con cui condividere l’auto per percorrere la stessa tratta. Il nostro invito è quello di utilizzare il servizio di carpooling aziendale perché più lo si utilizza, più c’è possibilità di creare condivisione e ridurre il numero di auto nelle strade”. Usando la tecnologia si vuole coinvolgere direttamente la popolazione in un gesto solidale verso tutta la comunità.

Leggi anche: Ponte Morandi, il governo può “licenziare” Autostrade? 10 punti da affrontare

Servizio gratuito per i genovesi

“Le aziende nostre clienti con sede a Genova l’hanno trovata un’ottima soluzione per i propri dipendenti e hanno sostenuto e fortemente consigliato il progetto in sede di riunione con il Comune”, ha continuato Gerard Albertengo, specificando che: “Il servizio è gratuito per i genovesi che lo utilizzeranno in città, cosa diversa avviene nel resto d’Italia dove le aziende sostengono un costo per attivarlo per i propri dipendenti, senza comunque gravare sull’utente finale, ma in questo caso è stato Jojob a volerlo offrire gratuitamente alla città. Siamo rimasti molto colpiti da quanto è accaduto a Genova. Conoscendo da vicino le problematiche della mobilità, è stato spontaneo offrire il nostro aiuto e mettere a disposizione dei lavoratori genovesi la tecnologia e l’esperienza del nostro servizio”.

Informazioni utili

Per attivare il servizio è sufficiente scaricare l’app “Jojob Carpooling” su smartphone o registrarsi su www.jojob.it/colleghiamogenova.

Le aree della città individuate e il loro codice abbinato sono:

Voltri: COLLEGHIAMO1
Sestri Ponente: COLLEGHIAMO2
Campi: COLLEGHIAMO3
Bolzaneto: COLLEGHIAMO4
Sampierdarena WTC: COLLEGHIAMO5
Porto Antico/Darsena: COLLEGHIAMO6
Piazza Dante/Via XX Settembre: COLLEGHIAMO7
Brignole/Marassi: COLLEGHIAMO8
Molassana: COLLEGHIAMO9
San Martino: COLLEGHIAMO10

Per le persone che desiderano iscriversi ma che non lavorano nelle zone mappate, il codice da inserire sarà il CAP dell’indirizzo di destinazione. Le aziende della città potranno, inoltre, richiedere a Jojob, scrivendo a [email protected], l’attivazione di un codice dedicato da comunicare ai propri dipendenti.

Leggi anche: Non sprechiamo l’occasione del ponte Morandi

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter