immagine-preview

Set 10, 2018

Italy where WOW belongs: viaggio mozzafiato (Web) tra le meraviglie del Belpaese

Un video realizzato da 4 videomaker che hanno viaggiato per l'Italia in lungo e in largo per rendere onore alle bellezze della nostra nazione. Il risultato lascia senza parole

C’è tutto dell’Italia: i luoghi, i sapori, l’amore, la danza, lo sport, il divertimento, la spensieratezza, l’arte, la fede, la libertà. La bellezza in tutte le sue forme. C’è vita. Il video sprona a vivere, a sperimentare, a cercare. Sprona ad essere italiani e a provarlo a pieno. È un inno alla vita. “Abbiamo provato a racchiudere tutto il nostro Paese, tutte le regioni, in 5 minuti, speriamo di esserci riusciti”, ci ha confessato Simone Menin, uno dei quattro videomaker di Italy where WOW belongs di Wow Tapes (qui il sito), nuova video agency con base a Roma. Suoi compagni di avventura sono stati: Giuseppe Lombardi, Fabio Reitano e Filippo Golin. 35 giorni in viaggio, 5236 km percorsi, 280 caffè, 2 Tb di girato e 1 video di 5 minuti.

Leggi anche: Il mare italiano scoppia di vita. Le mete ideali? Liguria per le balene, Sicilia per i coralli

Un video unico

“Ce ne sono molti di video sull’Italia ma si concentrano su una città o una regione. Noi volevamo condividere con il resto del mondo le sfumature della vita quotidiana, alcuni scorci e dettagli che ti lasciano sulla pelle la sensazione di essere veramente lì. Utilizzando poi delle tecniche molto dinamiche per il montaggio, volevamo “svecchiare” e togliere la polvere da un’Italia ancora un po’ troppo “tradizionale“, creando un contrasto positivo fra le due cose. Inoltre, è anche il viaggio di 6 settimane in un camper con 4 amici”.

Le emozioni vissute

E di emozioni, in Italy where WOW belongs ce ne sono tante: “Volevamo trasmettere l’amore che proviamo per il nostro paese. Le infinite bellezze che ci regala ogni giorno. Risvegliare un po’ la meraviglia nelle persone, cosa che a volte diamo per scontato, ma che può essere il motore di un cambiamento. Mostrare lo spirito italiano delle persone, che è uno spirito unico, diverso da come a volte lo descrivono da fuori. Gli italiani hanno voglia di ridere e sorridere, di accogliere, di sentirsi parte di qualcosa. Dal nord al sud. Onestamente durante il viaggio mi sono sentito parte di un popolo, di un paese. Quando inizi a cambiare regione, a sentire dialetti diversi, ma lo spirito delle persone, il modo in cui si rivolgono a te con un sorriso rimane lo stesso, ti senti davvero parte di una famiglia”.

Com’è nata l’idea di Italy where WOW belongs

Qui su Impact trattiamo spesso l’Italia più brutta, quella degli abusi edilizi, del suolo consumato, degli sversamenti illegali, dei problemi dell’Ilva e dei mari e dei laghi altamente inquinati. Era doveroso almeno una volta interrompere la narrazione negativa, le nostre denunce, per documentare l’altra faccia della medaglia, quella che dovrebbe renderci orgogliosi di vivere in un Paese così bello e così ricco di bellezze naturalistiche profondamente differenti tra loro, eppure condensate in pochi chilometri. Perciò, buona visione!

 


 

“L’idea è nata mentre eravamo in viaggio all’estero. Vivendo e vedendo cose molto diverse dal nostro paese, ci siamo resi conto di quanto siamo fortunati ad essere nati e cresciuti in Italia. Volevamo rendere omaggio. Ci spostavamo con un camper degli anni ’80. Era stracolmo di cavalletti, telecamere, zaini ed altra attrezzatura. Per dormire dovevamo creare un puzzle, ma è stato divertente anche per questo”, ci ha raccontato Simone che, a casa, è tornato con una nuova consapevolezza: “Ora so che l’Italia ha un potenziale enorme, per la maggior parte ancora inespresso. È bella anche se non la curiamo. Per quanto riguarda me stesso, dopo questa esperienza che sembrava impossibile all’inizio, so che si riesce a far tutto se si hanno le giuste motivazioni. In generale, mi rimane la voglia di continuare a viaggiare per il Paese e continuare a scoprirlo”.

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter