immagine-preview

Set 19, 2018

InVento Lab: la B Corp che connette scuole e aziende per la creazione di startup green

Green e circular economy i temi trattati. I progetti con le superiori sono stati inseriti nel percorso di alternanza scuola-lavoro

Si chiama B Corp School l’ambizioso progetto portato avanti da InVento Lab, impresa sociale nata nel 2014, che, in partnership con la community italiana ed europea delle B Corp, punta al contatto tra mondo scolastico e aziendale con numerose iniziative didattiche. A essere coinvolti nel progetto pilota, lo scorso anno scolastico, sono stati 500 ragazzi, in tutta Italia, i quali si sono confrontati con insegnanti, rappresentanti aziendali e professionisti di InVento Lab, sulla creazione di startup attente al green, alla sostenibilità e all’economia circolare.

Apprendisti startupper B Corp

“Con percorsi differenziati, in base ad età e competenze, siamo riusciti a creare una rete di interconnessione tra ragazzi con tanta voglia di imparare e proporre, insegnanti volenterosi di comunicare il mondo delle B Corp, e rappresentanti delle società stesse”, spiega Giulia Detomati, CEO e founder di InVento Lab. Le iniziative, ideate con la project manager, Elena Detomati, e destinate agli studenti tra i 16 e i 18 anni (dalla terza alla quinta superiore), sono state inquadrate nel programma di alternanza scuola-lavoro e riconosciute, a tutti gli effetti, valide per il percorso obbligatorio di formazione studentesca.

Leggi anche: CheTiCosta rispettare l’ambiente? Ecco cosa si sono inventati gli alunni di una scuola di Lecce

“Durante lo scorso anno scolastico,  gli alunni hanno risposto molto bene alle nostre proposte, rendendosi parte attiva e proponendo idee interessanti – continua la CEO – cosicché il loro rapporto con le aziende è stato proficuo e duraturo”. Analizzando i bisogni territoriali e le challenge condivise con le B Corp, nelle scuole sono nate piccole realtà imprenditoriali 2.0. Alle lezioni frontali, sono state anche affiancate classi digitali, con la creazione di una piattaforma di e-learning blended.

Differenti sono stati i progetti pensati per i piccoli delle elementari e i ragazzi delle medie, incentrati, invece, sull’economia circolare. “Vogliamo comunicare quanto sia importante questo concetto anche ai più piccoli – spiega la dott.ssa Detomati – con contenuti adattati all’età, anche bambini e ragazzi hanno realizzato nuovi interessanti progetti per la propria scuola, in un clima di community collaborativa”. Grande novità: lo scorso luglio, il Ministero dell’Istruzione ha riconosciuto il programma che InVento Lab ha pensato per i docenti valido come percorso professionale di formazione. “Formiamo anche mentor interni alle B Corp, specializzati nella comunicazione ai ragazzi di idee e imprenditorialità”, aggiunge la fondatrice.

Non mancano progetti ambientali a stretto contatto con la natura, che coniugano lo sport all’aria aperta con il rispetto per la realtà circostante e l’esplorazione introspettiva individuale.

InVento Lab: eccellenza didattica italiana

“Il team di InVentoLab è composto da poco meno di una decina di giovani tra i 26 ed i 32 anni. Oltre a me e alla project manager, ci sono Claudio Avella, Annarosa De Luca, Giacomo Losio e Giulia Minghetti, Alessio Bottiroli, Octavian Husoschi e Roberto Detomati – spiega la fondatrice – provenienti da percorsi molto differenti, tra cui Ingegneria, Informatica, Economia, Marketing e Comunicazione. Non ci facciamo mancare niente, insomma”. Giulia Detomati di anni ne ha 36, ma vanta già un’esperienza pluriennale in campo scolastico nella costruzione e definizione di progetti di education su temi ambientali.

Leggi anche: Greta Thunberg, la 15enne svedese che “sciopera” dalla scuola contro il riscaldamento globale

Laureata in Ingegneria Ambientale, ha proseguito gli studi con un Master in Imprenditoria sociale a Stanford, oltre ad aver preso parte a numerosi progetti in merito. “Ho sempre pensato che le aziende, per innovarsi, abbiano bisogno di  confrontarsi con i giovani e che, viceversa, i giovani possano capire che a scuola non si studia soltanto per prendere bei voti, ma che quanto imparato può concretizzarsi nella realtà”, confessa la CEO.

Leggi anche: Lilo, il motore di ricerca solidale che aiuta società e ambiente

Nel 2019, B Corp avvierà un nuovo corso di formazione per studenti delle scuole superiori ad Oxford. “La Gran Bretagna è il secondo paese europeo con il più alto numero di B Corp esistenti. In Italia il tema è ancora di nicchia, ma in crescita esponenziale”.

Il progetto di Detomati, che ha vinto i prestigiosi riconoscimenti “Best for Italy” e “Best for the world” 2018, è supportato anche da importanti realtà quali Banca Prossima, Nativa and Wekiwi, Fondazione Cariplo e collabora, in diversi ambiti, con l’Università Bicocca.  Sul sito, nella sezione “B Corp School“, sono aperte le iscrizioni a scuole ed aziende che volessero partecipare al programma durante questo nuovo anno scolastico.

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter