immagine-preview

Ott 1, 2018

Atmotube, la “sigaretta elettronica” che ti dice l’inquinamento nell’aria

Un piccolo dispositivo portatile, inventato dall'azienda californiana NotAnotherOne, indica in tempo reale la qualità di ciò che si respira

Il 90% della popolazione mondiale respira aria troppo inquinata, con valori di smog superiori a quelli raccomandati per la salvaguardia della propria salute. Vale a dire, nove persone su dieci. E i dati sulle morti causate dall’inquinamento atmosferico sono molto preoccupanti: 7 milioni di persone, nel 2016, sono decedute a causa di polveri sottili ed ultrasottili, respirate dentro e fuori dalla propria casa. A dirlo è l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), nel suo rapporto annuale relativo al 2016. Un’azienda californiana specializzata in design industriale e sviluppo di software, NotAnotherOne, ha realizzato un piccolo apparecchio portatile in grado di misurare il livello di inquinamento dell’aria in tempo reale: Atmotube.

Come funziona Atmotube

A prima vista sembrerebbe una sigaretta elettronica, ma, in realtà, Atmotube, è grande quanto il palmo di una mano. Rivestito in titanio, di forma cilindrica, facile da agganciare, come un portachiavi, a uno zaino, borsa, o qualsivoglia accessorio, lo strumento rileva la presenza di un’ampia gamma di composti organici volatili (COV) e gas nocivi, come il monossido di carbonio, oltre alla temperatura e all’umidità dell’aria.

Leggi anche: Quanto inquinano le navi da crociera? Lo abbiamo chiesto a Cittadini per l’Aria

Gli ultimi due modelli in commercio, Atmotube Plus e Pro, hanno sensori più precisi ed affidabili rispetto al precedente, Atmotube 2.0 (lanciato sul mercato 3 anni fa), e contribuiscono allo sviluppo di una mappa globale sulla qualità dell’aria grazie ad un aggregatore di dati online. La versione Pro, inoltre, rileva anche gli inquinanti PM1, PM2.5 e PM10, quali: polvere, polline, fuliggine e muffa. Una volta identificati, i dati sullo smog vengono inviati al nostro smartphone, e sono consultabili tramite la relativa app, disponibile sia su IOS che Android.

Lo strumento, utilizzabile sia dentro che fuori casa, monitora costantemente l’atmosfera ed è accessibile in qualsiasi momento dal cellulare. “Una buona qualità dell’aria, esterna e interna ad abitazioni e uffici, è sostanziale per il nostro benessere. Una persona, in media, compie più di 20.000 respiri al giorno, ma, in generale, solo chi soffre di particolari patologie o problematiche legate alla respirazione, si pone il problema di cosa ci sia nell’aria che lo circonda. Invece, tutti dovremmo renderci conto che ogni componente volatile può influenzare la nostra salute”, afferma Vera Kozyr, cofondatrice di NotAnotherOne insieme a Igor Mikhnenko.

Atmotube 2.0 è disponibile, oltre che sul proprio  sito online, anche su Amazon, per un costo di circa 130 euro, mentre le due nuove versioni, Pro e Plus, sono in vendita su Indiegogo.

L’idea

“Prima di Atmotube non esisteva alcuno strumento in grado di misurare in tempo reale lo stato di inquinamento dell’aria” afferma la CEO, Vera Kozyr, la quale ha dato vita al team Atmotube insieme al CDO (Chief Design Officer), Igor Mikhnenko, al CTO (Chief Technology Officer) , Dmitry Lukashev e al CPO (Chief Product Officer) Alexey Pyshkin. Di origini russe, gli innovatori hanno fondato la propria sede a San Francisco, in California, anche se l’oggetto viene prodotto a Shenzen, in Cina.

Leggi anche: L’inquinamento da polveri sottili causa anche il diabete. Oltre tre milioni di casi al mondo

“Da viaggiatori incalliti quali siamo, abbiamo notato che le condizioni dell’aria sono molto differenti da città a città – spiega la responsabile Marketing di Atmotube, Evgeniya Ulyanova – In certe zone è evidente che l’aria sia inquinata, ma, in ogni caso, prima di questa invenzione era davvero difficile dire a quale livello”, e aggiunge: “Abbiamo, quindi, iniziato a studiare gli effetti dell’inquinamento sull’uomo, oltre alle sostanze chimiche che rendono l’aria nociva. Secondo diversi studi effettuati, l’esposizione a CO2 e VOC è stata collegata ad un maggiore rischio di malattie gravi, anche cancerogene”. Per questo nasce Atmotube, soprattutto in aiuto di chi soffre di asma, allergie o malattie polmonari.

La prima versione, 2.0, ha riscosso molto successo in tutto il mondo, soprattutto negli Stati Uniti, mentre gli ultimi due modelli, disponibili su Indiegogo con un 40% di sconto, hanno raggiunto quota 300 dispositivi venduti. Al momento, sono distribuiti, oltre che negli Stati Uniti, anche in Canada, Francia, Russia e Cina. “Stiamo cercando di allagare la vendita anche ad altri paesi dell’Unione Europea”, precisa la dott.ssa Ulyanova. E, se, per adesso, Atmotube è soltanto un misuratore di qualità dell’aria, NotAnotherOne intende, in futuro, sviluppare altri strumenti per la protezione da tali agenti nocivi.

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter