L'innovazione sociale tra i banchi di scuola. Ragazzi protagonisti - Impact immagine-preview

Dic 28, 2018

L’innovazione sociale tra i banchi di scuola. Ragazzi protagonisti

Fondazione CRC, Camera di Commercio di Cuneo e SocialFare promuovono 13 percorsi per un totale di 550 ore che coinvolgono 300 alunni nell’alternanza scuola/lavoro per l’ideazione di soluzioni per alcune “sfide sociali” del territorio

Guidati dal team di SocialFare, Centro per l’Innovazione Sociale con una solida esperienza nell’accompagnamento di progettualità imprenditoriali a impatto sociale, i ragazzi della 3A e 3B dell’Istituto Superiore G. Vallauri di Fossano (Cuneo) sono stati gli apripista del progetto “GrandUp! Energia giovane per lo sviluppo” che ha permesso agli studenti di apprendere metodi e tecniche di co-progettazione, per ideare e implementare soluzioni efficaci in risposta alle sfide del territorio. L’innovazione sociale, insomma, entra nelle scuole e rende i ragazzi finalmente protagonisti del cambiamento in atto.

Il banco di prova: aumentare le iscrizioni a scuola

La prima sfida affrontata ha riguardato una problematica riscontrata all’interno della stessa scuola: negli ultimi anni scarseggiano le iscrizioni all’indirizzo Elettrotecnico (ELT), dunque occorreva raccontare e valorizzare meglio le importanti opportunità formative e professionali offerte, evidenziando soprattutto il nesso tra l’elettrotecnica e le tecnologie digitali. Guidati dal team di SocialFare, gli alunni di 3A e 3B ELT, hanno così messo a punto un percorso interattivo di gamification per raccontare ai più giovani “il bello di studiare elettrotecnica”.

Ho imparato che il lavoro di gruppo e la condivisione delle idee può portare a risultati più ampi.
Mattia, 17 anni, 3B Elettro

Le altre 13 campagne di innovazione sociale tra i banchi di scuola

Quella del Vallauri è solo una delle 13 “sfide sociali” definite insieme ad altrettanti istituti scolastici della provincia di Cuneo che hanno aderito al progetto GrandUp! Energia giovane per lo sviluppo promosso dalla Fondazione CRC e della Camera di Commercio di Cuneo, nato in continuità con GrandUp! Acceleriamo lo sviluppo sociale, il primo programma di “accelerazione territoriale” che nel 2018 ha accompagnato lo sviluppo di 10 progetti imprenditoriali innovativi a impatto sociale.

Leggi anche: Gli studenti di ESCP Europe diventano consulenti per le startup di innovazione sociale

La risposta positiva al programma da parte della comunità locale ha portato a pensare ad una nuova sperimentazione rivolta alle classi terze e quarte dei licei, istituti tecnici e professionali, con l’obiettivo di accompagnare le scuole a divenire luoghi di azione progettuale, ecosistemi vitali e aperti, pronti a cogliere le sfide contemporanee proprie del contesto educativo e a sviluppare idee e soluzioni che generino un impatto sociale positivo.

 

 

Attraverso laboratori innovativi in cui si impara facendo, collaborando, co-progettando, studenti e insegnanti hanno imparato a valorizzare talenti e attitudini personali lavorando gomito a gomito e per obiettivi, con uno sguardo aperto alle esigenze degli altri e alla comunità in cui vivono. Il team di SocialFare si avvale dell’esperienza sul campo in numerosi progetti simili ed ibrida metodologie proprie dell’approccio Design Thinking e dell’Innovazione Sociale.

Le sfide su cui lavorare, definite ad hoc per ciascun istituto attraverso colloqui preliminari con gli insegnanti e con il coinvolgimento diretto delle classi all’avvio del percorso, spaziano dalle esigenze legate al contesto scolastico ad iniziative di portata più ampia sui temi dell’inclusione sociale, dell’economia circolare, dell’accessibilità e del contrasto agli effetti negativi dell’ipercomunicazione in un mondo iperconnesso.

GrandUp! Energia giovane per lo sviluppo prevede ad oggi l’attivazione di 9 percorsi da 50 ore e 4 percorsi da 25 ore presso 13 istituti scolastici della provincia di Cuneo, con un programma che proseguirà per tutto il 2019 coinvolgendo circa 300 ragazzi.

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter