immagine-preview

Feb 22, 2019

Viaggiare in camper senza spendere troppo (e senza avere un camper)? Ci pensa Cocovan

Grazie al percorso di accelerazione Get it!, la piattaforma di sharing e noleggio camper si è evoluta in community di vendita pacchetti turistici

Una fetta di cocomero su due ruote: un inno alla libertà, alla condivisione e alla voglia di viaggiare. È questo il biglietto da visita di Cocovan, piattaforma online di camper, tour sharing e noleggio di caravan tra privati che mira ad ingrandire la propria community proponendo pacchetti-viaggio per partecipare a Festival, snow-week e surf-camp in van o camper.

Leggi anche: Ultimi giorni per candidarsi alla terza Call di Get it!

“Grazie al percorso di accelerazione di Get it!, programma di Fondazione Social Venture Giordano Dell’Amore in collaborazione con Cariplo Factory, il nostro focus in termine di operazioni è cambiato. Da piattaforma di sharing per camper, oggi ci siamo evoluti in community di servizi di vendita pacchetti-viaggio”, ha dichiarato il CEO di Cocovan, Guglielmo Rapino, cofondatore della startup insieme a Lorenzo Ciccola e Vincenzo Mazza.

Guglielmo Rapino e Lorenzo Ciccola

Tre amici, un camper e la libertà

I tre founders erano coinquilini; vivevano insieme nel quartiere San Lorenzo, a Roma. Pochi soldi in tasca, ma tanta voglia di viaggiare e scoprire terre inesplorate. Così, in estate, decidono di partire per la Spagna. “Non avevamo una meta ben precisa, siamo andati all’avventura – racconta Guglielmo – nessun alloggio prenotato e pochi euro in mano. Eppure, è stata una vacanza meravigliosa, durante la quale abbiamo alloggiato in un camper di due ragazzi che ci hanno accolto a braccia aperte. Da qui è nata l’idea: E se questa esperienza si tramutasse in un servizio accessibile a tutti?“.

Nel 2016, Cocovan è un portale online pensato per community di camperisti e viaggiatori. Nel 2017, nasce la startup di noleggio camper e van da privati, che, a poco a poco ha ingrandito la propria cerchia di utenti proponendo anche pacchetti-viaggio esperienziali di vario tipo, come festival; snow-week e surf-camp. Ma il nome non è lasciato al caso. “Co” sta per “condivisione” e “van”, vano: il luogo della condivisione. Il cocomero, come spiegano i ragazzi, oltre a rappresentare freschezza e voglia di estate, è un frutto che, generalmente, si mangia insieme a qualcun altro. Ed in questo caso è un cocomero sprint, che viaggia su due ruote.

La startup Cocovan

“E’ stato grazie alla vittoria di FactorYmpresa Turismo, che ci ha assegnato un premio da 10.000 euro, se siamo riusciti a mettere a punto la prima piattaforma. Successivamente, abbiamo avuto accesso ad un finanziamento da parte della regione Basilicata, grazie al quale abbiamo sviluppato meglio la nostra idea. Con GetIt!, che ci ha selezionato tra le 10 migliori startup di turismo sostenibile, siamo riusciti ad evolverci da piattaforma di sharing a community di servizi con vendita di pacchetti viaggio”, ha riferito il CEO.

Oltre ad avere la possibilità di condividere e noleggiare un camper o van, dalla piattaforma si può scegliere, tra gli eventi proposti, particolari esperienze da provare insieme ad altri appassionati. Al momento, si può prendere parte allo Snowzone Festival a Mont de Lans, su Les Deux Alpes francesi, che si terrà dall’8 al 10 marzo, con partenze da Milano e Civitanova Marche. Prossimamente, Cocovan proporrà la Spartan Race di Monaco (dall’11 al 13 aprile), da Milano e da Roma e, tra gli eventi estivi già previsti: il FatFatFat Festival; Balla coi Cinghiali e il Montelago Celtic Festival, in agosto, anche se, a questi se ne aggiungeranno altri.

“Con il nostro nuovo servizio di vendita pacchetti-viaggio, il target della piattaforma è cambiato leggermente – rivela Guglielmo – adesso ci rivolgiamo ad amanti dei viaggi ed attività en-plein-air. In particolar modo, i nostri utenti occupano la fascia di età 18-35, e sono sia uomini che donne appassionati della cultura on the road“.

Cocovan, attualmente incubato presso Makeacube di Milano, terminerà il suo percorso a fine mese. “Dopodiché  saremo seguiti da un pool di advisors di Cariplo Factory e Fondazione Social Venture Giordano dell’Amore per almeno altri 3 mesi, e infine, il nostro Investor day, in programma il 16 maggio”, conclude il CEO. Giusto in tempo per partire (e aiutare gli altri a partire) per le vacanze estive!

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter