Verso le Europee | Centinaio: "Tutela ambiente non sulle spalle agricoltori" immagine-preview

Mag 10, 2019

Verso le Europee | Centinaio: “Tutela ambiente non sia sulle spalle degli agricoltori”

In vista delle Europee, il Ministro dell'Agricoltura parla dell'agenda leghista su Green Economy, PAC e Made in Italy

Le elezioni europee sono dietro l’angolo. Per questo, abbiamo chiesto a Gian Marco Centinaio (Lega), ministro delle Politiche Agricole alimentari, Forestali e del Turismo cosa ha intenzione di fare il proprio partito di riferimento oltre i confini nazionali in tema di green economy e tutela ambientale.

L’agenda Green della Lega

“La nuova PAC è fondamentale per noi e da lì vogliamo partire per far sì che l’agricoltura sia sempre più verde e sempre più a tutela dell’ambiente” ha dichiarato Centinaio a StartupItalia. “Però, per far questo non possiamo partire dal presupposto che ci sia un taglio di più di tre miliardi di euro della PAC. Quindi, va bene la tutela dell’ambiente ma non va bene tagliare fondi agli agricoltori, perché vorrebbe dire che la tutela dell’ambiente sarebbe tutta sulle spalle degli agricoltori italiani e questo non lo posso accettare”.

Cos’è la PAC

Ma cos’è la PAC? E’ la Politica Agricola Comune e rappresenta l’insieme delle regole che l’Unione Europea, ha voluto adottare sin da quando è nata per riconoscere l’importanza e la centralità del settore agricolo affinché fosse possibile uno sviluppo equo e stabile dei Paesi membri. La PAC ha i seguenti obiettivi:

  • incrementare la produttività dell’agricoltura;
  • assicurare un tenore di vita equo alla popolazione agricola;
  • stabilizzare i mercati;
  • garantire la sicurezza degli approvvigionamenti;
  • assicurare prezzi ragionevoli ai consumatori.

Come si valorizza il Made in Italy in Europa?

“Sicuramente – sostiene il ministro Centinaio – con una promozione diversa rispetto al passato, promuovendolo meglio. Andando in giro per i mercati in modo più strutturato, cosa che stiamo provando a fare e tutelando i nostri prodotti e i nostri produttori dallitalian unsounded”. 

Leggi anche: Xylella, danni per 1,2 miliardi. Un settore in ginocchio. Intervista al ministro dell’Agricoltura

“Noi -prosegue Centinaio – abbiamo un dipartimento che si chiama ICQRF (qui più dettagli ) che sta facendo la lotta alla contraffazione. Stiamo bloccando, quasi in tempo reale, su tutte le piattaforme di vendita online le contraffazioni, però per farlo abbiamo bisogno di un prodotto originale pronto che lo sostituisce e per questo stiamo promuovendo il made in italy nel migliore dei modi. Anche la stabilità alle imprese si può garantire perché questo governo sta facendo molto in merito, nonostante i soliti screzi pre elettorali che ci sono”.

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter