Ecommerce in Loop per evitare i danni del consumismo - Impact
#SIOS19
Prenota il tuo biglietto

Ultimo aggiornamento il 22 maggio 2019 alle 5:56

Ecommerce in Loop per evitare i danni del consumismo

Negli USA lo chiamano Milkman Model, «modello lattaio»: si acquistano in rete prodotti sfusi, contenuti in recipienti che, vuoti, dovranno essere resi. L'ambiente ringrazia

In periodi come questi, nei quali la nostalgia per tempi che – grazie ai ricordi – sembrano migliori, aver scelto un nome che rimanda agli anni ’50 potrebbe essere una strategia vincente. Ecco perché il Milkman Model, vale a dire il «modello lattaio», pensato per frenare lo sfruttamento delle risorse del pianeta e introdurre un sistema di consumo virtuoso e responsabile nella vita di tutti i giorni, potrebbe funzionare. Sarà sperimentato a breve da uno store online dal nome che è tutto un programma: Loop e che è già stato scelto da molti grandi marchi.

 

Leggi anche: Coca Cola “dà i numeri”: 3 milioni di tonnellate di plastica l’anno

 

Che cos’è il Milkman Model di Loop

L’idea alla base di Loop è quella appunto di recuperare le buone abitudini di una volta. Avete presente i film americani anni ’50? Ecco, facendo mente locale, oltre alle auto dalla carrozzeria bombata, gli abiti color pastello e le casalinghe sorridenti, spesso la telecamera indugiava su schiere di villette, ciascuna delle quali aveva sull’uscio un giornale arrotolato e, soprattutto, una bottiglia di vetro vuota. Ogni mattino il fattorino del lattaio recuperava la bottiglia vuota e lasciava accanto allo zerbino quella fresca di giornata.

 

Leggi anche: Acqua minerale, siamo i primi in Europa per consumo: 8 miliardi di bottiglie l’anno

Come funzionerà Loop

Loop funzionerà allo stesso modo. Sarà appunto un modello lattaio 2.0. Gli acquisti verranno fatti sullo store online, tutt’ora in costruzione, al posto del fattorino del lattaio ci sarà un corriere, ma il concetto sarà lo stesso: vuoto a rendere per incentivare la circular economy.

Un modello commerciale basato sul loop del package che contiene prodotti sfusi. Non solo, quindi, la bottiglia di vetro del latte, ma anche taniche d’olio in metallo, flaconi in acciaio e persino prodotti in plastica. Purché riciclata. Si deposita una piccola cifra a garanzia del contenitore che viene scontata sul costo del prodotto alla riconsegna. Riconsegna da effettuare sempre tramite corriere, che ci sia un nuovo acquisto o meno.

 

Leggi anche: Plastica, altro che bando europeo. Ecco tutti i prodotti che resteranno in vendita

 

Packaging personalizzato

Sono già diversi i grandi marchi che hanno aderito all’iniziativa in vista del debutto, previsto proprio in questi giorni, almeno nelle città di New York e Parigi. Tra questi: Coca Cola, Pepsi, Nestlé, Unilever, Procter & Gamble e Tesco. Solo per citarne alcuni.

 

Leggi anche: Parmalat dimezza la produzione di plastica grazie alle bottiglie riciclate

 

Molte aziende si sono impegnate a creare confezioni apposite, realizzate con materiali come il vetro, il metallo o l’acciaio (differenti da quelle che si trovano nella grande distribuzione) che puntano ad allungare la vita dei contenitori e a ingaggiare un numero maggiore di consumatori, che si sentiranno destinatari di prodotti esclusivi, con grafiche uniche. Prodotti che però non potranno tenere ma che dovranno riconsegnare, per non interrompere il Loop.

 

Leggi anche: Quanta spazzatura produciamo in un anno? Lo svelano queste foto

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter