Startup Africa Roadtrip, una settimana di tecnologia nel cuore dell'Uganda - Impact immagine-preview

Lug 10, 2019

Startup Africa Roadtrip, una settimana di tecnologia nel cuore dell’Uganda

In agosto il team italiano sarà a Kampala per una Tech Week per le startup

Torna per il 3° anno Startup Africa Roadtrip (qui il sito), il progetto not-for-profit promosso dall’associazione TechGarage che, dal 2017, organizza percorsi di training per startup e progetti d’impresa nei Paesi dell’East Africa, mettendone in contatto gli ecosistemi imprenditoriali con quello italiano e coinvolgendo un numero crescente di professionisti e organizzazioni.

Leggi anche: Startup for Africa: da Lodi l’incubatore che forma giovani imprenditori

Cos’è Startup Africa Roadtrip

In agosto il team di Startup Africa Roadtrip sarà a Kampala, capitale dell’Uganda che, con 16 tech hub tra incubatori, acceleratori, spazi di co-working e poli universitari, si è affermata tra le città protagoniste dell’ondata di innovazione che dalla “Silicon Savannah” del vicino Kenya sta diffondendo nuovi modelli di impresa in tutta l’Africa Orientale. Ospite della Makerere University, il gruppo italiano – composto da esperti del panorama startup e specialisti del digitale, con una età media sui 30 anni – darà vita a una Tech Week per giovani imprenditori (o aspiranti tali) locali.

“Con un’età media di 15 anni, l’Uganda è uno dei Paesi più giovani dell’intero continente africano”, ha spiegato Andrea Censoni, Senior Analyst per la società milanese dPixel e Co-Fondatore del progetto. “C’è una spiccata propensione all’imprenditorialità, in un contesto predominato da economia informale. E, nell’Africa Sub-sahariana, il Paese è secondo solo al Kenya per numero di tech hub”.

Leggi anche: Un ospedale in Africa grazie ai social. Il caso Solidali per il Malawi

“Come abbiamo riscontrato fin dalla 1a edizione del progetto nel 2017 – ha proseguito Censoni – l’ostacolo più grande per le nuove imprese locali è dato dalla difficoltà di acquisizione delle competenze specifiche, cosa che contribuisce a rendere i progetti poco attrattivi per capitali e investitori. Con Startup Africa Roadtrip vogliamo aiutare a colmare questo gap fornendo agli aspiranti startupper gli strumenti necessari per ridurre al minimo il rischio di fallimento, migliorare l’investment readiness dei loro progetti e far così crescere il loro business generando un impatto positivo sull’economia locale”.

“Per il terzo anno consecutivo – gli ha fatto eco Lorenzo D’Amelio, Co-Fondatore di Startup Africa Roadtrip -, offriremo a 15 imprese selezionate un’opportunità di formazione qualificata e gratuita in ambiti chiave come il business planning e le strategie di Go-To-Market e Fundraising; il programma comprenderà anche un successivo affiancamento finalizzato all’amplificazione dell’impatto, il tutto a cura del nostro team di professionisti-volontari, in collaborazione con partner locali e italiani”.

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter