Greenpeace: "Troppa plastica di Coca Cola e Pepsi sulle spiagge" - Impact immagine-preview

Ago 9, 2019

Greenpeace: “Troppa plastica di Coca Cola e Pepsi sulle spiagge”

La stessa Coca Cola aveva recentemente dichiarato di produrre 3 milioni di tonnellate di sostante plastiche ogni anno per il proprio packaging

Estate. Fa caldo. La voglia di bere bibite dissetanti aumenta. Attenzione, però, a cosa bevete perché anche una semplice bottiglietta di plastica può danneggiare irrimediabilmente il nostro ecosistema, anche per migliaia di anni. Anche per questo meraviglia la notizia secondo la quale Coca Cola e Pepsi Co sembrerebbero intenzionate a uscire dall’Associazione dell’industria della plastica (Plastics Industry Association). Negli Stati Uniti questa è l’associazione di categoria più importante.

Coca Cola non può sostenere la lotta alla plastica?

In un periodo in cui la sostenibilità è tra i temi principali e tra i più discussi, Coca Cola non sembra voler stare al passo con i tempi, oppure semplicemente non riesce. La rivelazione arriva da Greenpeace Usa che aveva lanciato una petizione a livello globale per chiedere alle multinazionali degli alimenti e delle bevande “ogni sforzo per ridurre l’utilizzo di plastica monouso”. “Coca-Cola e PepsiCo si sono finalmente accorte di non poter affermare pubblicamente di voler porre fine all’inquinamento da plastica e nel contempo sostenere economicamente una associazione che esercita pressioni per mantenere inalterata la nostra dipendenza dalla plastica usa e getta”, ha dichiarato John Hocevar, direttore della campagna Oceani di Greenpeace Usa.

Secondo Greenpeace: “Le operazioni di pulizia e catalogazione dei rifiuti in plastica condotte nelle spiagge di tutto il mondo nel 2018 hanno identificato in Coca-Cola e Pepsi Co i marchi a cui era possibile ricondurre gran parte dei rifiuti raccolti“. Nonostante ciò, nessuna delle due aziende leader nella produzione di bevande aveva messo in atto un progetto di riduzione della plastica monouso. È proprio la stessa Ong ad affermare di aver personalmente portato avanti una campagna per chiedere alle multinazionali di tutto il mondo di ridurre drasticamente la plastica usa e getta attraverso l’adozione di nuovi sistemi.

Quanta plastica produce Coca Cola?

I numeri della produzione di plastica da parte della Coca Cola lasciano a bocca aperta. Secondo uno studio realizzato dalla Ellen MacArthur Foundation, l’azienda ha dichiarato di produrre 3 milioni di tonnellate di plastica in packaging ogni anno. La Ellen MacArthur Foundation aveva chiesto ad alcune delle più grandi multinazionali di rendere noti i dati sulla produzione di plastica. L’obiettivo era una sorta di presa di coscienza con il tentativo, successivo, di cercare di ridurne la produzione.

I 3 milioni di plastica di Coca Cola fanno riferimento all’anno 2017. Corrispondono a circa 200 mila bottiglie al minuto. E’ impressionante pensare che si riesca a produrre una simile quantità di plastica in poco tempo, ma il dato non stupisce se si considera che il gruppo Coca Cola produce le bibite più bevute al mondo. C’è da ammettere che l’azienda non ha dichiarato esplicitamente il numero totale di bottiglie in commercio, ma facendo un rapido calcolo sarebbero 108 miliardi di bottiglie ogni anno. Si pensi che solo nel 2017 la produzione globale di bottiglie PET arrivava a circa 500 miliardi. Coca Cola ne produrrebbe oltre 1/5 del globale.

I numeri nascosti fino a poco fa

Questi numeri erano stati nascosti dal colosso di Atlanta fino ad ora. Ma al giorno d’oggi omettere un’informazione così importante non risulta essere saggio. La reputazione dell’azienda non può essere minata dalla poca trasparenza e dal mancato impegno ecologico-ambientale. Per questo motivo si è scelta la strada della divulgazione. Come finirà, invece, la diatriba con Greenpeace Usa lo si capirà solo più avanti. Fatto sta che Coca Cola e Pepsi Co dovranno esporsi pubblicamente, prima o poi, e dichiarare la propria linea d’azione.

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter