Iceberg, è sempre solo colpa nostra e dei cambiamenti climatici?
#SIOS19
Prenota il tuo biglietto

Ultimo aggiornamento il 8 ottobre 2019 alle 10:54

Iceberg, è sempre solo colpa nostra?

Il nuovo gigante di ghiaccio, D28, ha iniziato ad andare alla deriva. Secondo il professor Valter Maggi non è causato dai cambiamenti climatici

Se una rondine non fa primavera, un iceberg non fa certo i cambiamenti climatici. A fine settembre, un “pezzo” di ghiaccio più grande di Londra, esteso ben 1.582 km² (la capitale inglese copre “solo” 1.572 km²), si è staccato dalla piattaforma Amery, in Antartide. La notizia ha subito allarmato l’opinione pubblica: ecco – si è scritto – un’altra evidenza del riscaldamento globale in atto. È davvero così?

La vita dell’Antartide

Ma D28, per usare la nomenclatura degli esperti, non sembrerebbe esser causato dal global warming che tanto – e giustamente – preoccupa Greta Thunberg e i giovani dei Fridays for future. «L’Antartide è talmente freddo che non può sciogliersi, dunque per perdere massa deve perdere pezzi». Valter Maggi, professore di Cambiamenti climatici all’Università Bicocca di Milano, ci ha raccontato perché non è semplice distinguere tra un iceberg prodotto dal riscaldamento globale e un iceberg che risponde al naturale ciclo di vita dell’Antartide.

Leggi anche: Piccole Greta Thunberg crescono. Un anno da paladina verde

Siamo chiari: gli iceberg continuano a rappresentare un drammatico indicatore del riscaldamento globale. Non tutti, però. D28 si è staccato dalla parte di Antartide che “affaccia” sull’Oceano Pacifico. «Amery è la più piccola piattaforma delle tre principali che compongono l’Antartide: ha una superficie di oltre 62mila chilometri quadrati – spiega a StartupItalia il docente Valter Maggi, che è anche vicepresidente del Comitato Glaciologico Italiano – La piattaforma più grande, chiamata Ross, dà sull’Australia: oltre 470mila chilometri quadrati (per fare un paragone, l’Italia ha una superficie di 302mila chilometri quadrati, ndr). La seconda per estensione è la Ronne-Filchner, che occupa più di 422mila chilometri quadrati».

Leggi anche: “Sul Monte Bianco situazione drammatica”. E la colpa è nostra

Lo studio degli iceberg

Come vi avevamo raccontato quando un iceberg grande come la Liguria si staccò dalla piattaforma Larsen, è difficile per i ricercatori stabilire con certezza (e in poco tempo) se è colpa dei cambiamenti climatici o del ciclo naturale dell’Antartide. «D28 si è formato nella parte orientale, la più stabile – precisa Maggi – Quello che invece abbiamo osservato è che nella parte occidentale, negli ultimi 30 anni, si è verificata una accelerazione nella formazione degli iceberg. Ecco: in questa zona l’influenza dei cambiamenti climatici è certificata».

A differenza di quanto sta accadendo sul Monte Bianco e su tutto l’arco alpino, dove le evidenze scientifiche confermano le responsabilità dell’uomo sullo scioglimento dei ghiacciai, in merito agli iceberg i ricercatori dispongono di minori informazioni. «Noi – conclude il professore della Bicocca – li stiamo studiando dalla fine degli anni 70, prima non c’erano dati. Il periodo di monitoraggio non permette di dare informazioni precise».

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter