Dl Clima, compare il bonus rottamazione per i motorini - Impact
#SIOS19 12600 Biglietti
Registrati

Ultimo aggiornamento il 9 ottobre 2019 alle 16:21

Dl Clima, compare il bonus rottamazione per i motorini

Agevolazioni fino a 500 euro per i possessori di motocicli euro 2 e 3 a due tempi. Il Decreto è atteso domani in CdM

Dopo qualche settimana dalla prima bozza, torna a farsi vedere il Dl Clima (il cui approdo in Consiglio dei Ministri è previsto per domani) che il governo Conte Bis sta approntando e che costituirà la prima tranche di quei finanziamenti “verdi” che andranno a comporre il Green New Deal sbandierato a più riprese dal premier.

Cosa troveremo nel Dl Clima

Sono diverse le novità apparse nella nuova bozza del Dl Clima. La più importante riguarda sicuramente l’estensione dell’eco-bonus (buono mobilità), per il quale il governo mira a stanziare globalmente 255 milioni di euro, per la rottamazione delle auto euro 3 anche a chi dirà addio al proprio motorino.

Leggi anche: In Europa ancora 51 milioni di veicoli diesel

Più nel dettaglio, mentre l’incentivo per i proprietari delle automobili ammonterà a 1.500 euro, per i possessori di motocicli euro 2 e 3 a due tempi dovrebbe essere nel massimo 500 euro. In entrambi i casi si potrà accedere al bonus solo con l’acquisto di un abbonamento al trasporto pubblico o di biciclette (normali – elettriche a pedalata assistita).

I limiti del bonus mobilità

Ma attenzione: come già avevamo sottolineato quando circolò la prima bozza, tale agevolazione è riservata unicamente ai residenti delle città particolarmente inquinate, quelle cioè colpite dalla procedura di infrazione comunitaria per avere superato i limiti massimi di Co2 nell’aria. Il buono, che potrà essere speso anche a favore di famigliari conviventi, avrà una durata temporale di tre anni.

Lotta al packaging in plastica

Confermato in seconda battuta anche il bonus fino a 5000 euro per gli esercenti che introdurranno nei propri esercizi commerciali green corner per l’acquisto di prodotti sfusi o alla spina, che potranno riguardare i generi alimentari e per l’igiene personale, in una ottica di minor consumo di materiali plastici.

Leggi anche: Perché il governo giallorosso deve puntare tutto sul green

Da quanto si apprende, grazie ai fondi che proverranno dal Ministero dell’Ambiente, nell’ultima bozza del Dl Clima tornano gli incentivi green per la spesa per un valore di 20 milioni totali per ciascuno degli anni 2020 e 2021. Il decreto destina 40 milioni di euro ai Comuni per la creazione, il prolungamento e l’ammodernamento di corsie preferenziali per il trasporto pubblico locale e 20 milioni per “la realizzazione o l’implementazione del servizio di trasporto scolastico” con scuolabus ibridi, elettrici o comunque non inferiori a Euro 6 che appariranno in una lista che il dicastero guidato da Sergio Costa si è impegnato a stilare (con l’ulteriore limitazione sul periodo di immatricolazione: dal primo settembre di quest’anno).

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter