Norvegia, il ponte green è tech, visionario e opera d'arte - Impact
#SIOS19
Prenota il tuo biglietto

Ultimo aggiornamento il 5 novembre 2019 alle 5:56

Norvegia, il ponte green è tech, visionario e opera d’arte

A un'ora di auto da Oslo sorge il Kistefos Museum che ora include al proprio interno un ponte ecosostenibile, avveniristico e artistico

Può un ponte essere contemporaneamente ecologico, avveniristico e artistico? Dalla Norvegia ci dicono di sì. Sul fiume Randselva, a circa un’ora di macchina dalla capitale, è stato infatti costruito un ponte innovativo, che non si limita a collegare le due sponde del torrente, ma anche ad allietare il corpo e lo spirito di chi lo attraversa.

Fonte: Kistefos Museum

Un ponte – galleria d’arte

Twist, questo il nome del ponte coperto, è infatti il primo esempio di galleria d’arte sospesa su di un fiume. Oltre ad avere come funzione quella di consentire l’attraversamento del Randselva che scorre sotto, Twist è ormai parte integrante del Kistefos Museum, di cui costituisce anche frazione dell’iter espositivo.

Fonte: Kistefos Museum

Twist ovviamente può essere percorso solo a piedi perché al proprio interno ospita mostre ed esibizioni temporanee. Progettato dallo studio Big, il ponte, oltre a essere avveniristico ed ecosostenibile, ha una particolarità che certo non sfugge all’occhio: si avvita su se stesso, diventando a sua volta un’opera d’arte contemporanea.

Leggi anche: Ecologica e fantascientifica: è l’autostrada a pelo d’acqua norvegese

Fonte: Studio architettonico BIG

La doppia curva che rende gli esterni unici al mondo è stata creata impiegando fogli di alluminio alternati a pannelli di vetro, tutti materiali riciclabili.

Fonte: Kistefos Museum

Lo studio architettonico ha voluto infatti realizzare un’opera all’insegna della sostenibilità ambientale, scegliendo come location il cuore verde della penisola scandinava.

Fonte: Studio architettonico BIG

La seconda vita di un’area industriale

Ma non è tutto, perché il ponte, così come l’intero Kistefos Museum sorge dove un tempo si trovava una fabbrica di lavorazione della cellulosa fondata nel 1889 e dismessa nel 1955.

Come appariva l'area industriale prima del Kistefos Museum (Fonte: KM)

Si tratta dunque di un importante intervento di risanamento post industriale in ottica green e culturale. Intervento voluto e posto in essere proprio dal nipote dell’amministratore delegato di quel polo industriale, Christen Sveaas, che ha deciso di dar vita a un museo immerso in un bosco tipicamente norvegese di conifere.

Fonte: Kistefos Museum

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter