Resto al Sud ora arriva anche all'università - Impact
#SIOS19
Prenota il tuo biglietto

Ultimo aggiornamento il 8 novembre 2019 alle 15:01

Resto al Sud ora arriva anche all’università

Nuove opportunità per gli aspiranti imprenditori. Le agevolazioni di Invitalia rivolte ai giovani residenti in Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia allargate a 4 atenei

Resto al Sud, l’incentivo che sostiene la nascita di nuove attività imprenditoriali nelle regioni del Mezzogiorno, arriva in quattro Università del Sud. A portare le agevolazioni di Invitalia finalizzate al contrasto dell’emigrazione interna Onde Alte, la realtà di Massimiliano Ventimiglia.

 

Che cos’è Resto Al Sud

Abbiamo trattato spesso su Impact il programma di incentivi, ma un piccolo ripasso può comunque essere utile. Le agevolazioni sono rivolte agli under46 residenti in Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia. Si tratta di un fondo da 1.250 milioni di euro che Invitalia mette a disposizione per l’avvio di iniziative imprenditoriali in determinati settori (produzione di beni nei settori industria, artigianato, trasformazione dei prodotti agricoli, pesca e acquacoltura fornitura di servizi alle imprese e alle persone turismo).

Resto al Sud Hack

Ma non è finita, perché ora la mareggiata di Onde Alte porterà in 4 Università italiane gli incentivi di Invitalia. Come? Con Resto al Sud – Hackathon, vere e proprie maratone di progettazione e accelerazione di idee imprenditoriali .

Leggi anche: Giovani e cibo bio, un matrimonio green che s’ha da fare. Sul web

L’obiettivo che si sono posti Onde Alte e Invitalia è quello di intercettare le migliori idee imprenditoriali di giovani residenti al Sud (o disposti a spostare al Sud la propria residenza) focalizzate su innovazione, sostenibilità e impatto sociale positivo.

Leggi anche: Onde Alte vi porta “a scuola da Greta”… per hackerare il sistema

Prima tappa: Bari 29 e 30 novembre

I partecipanti del workshop si sfideranno a suon di soluzioni innovative che avranno come ambito temi cruciali per lo sviluppo meridionale e dei territori depressi: Salute e Welfare, Ambiente, Turismo sostenibile, Agritech e Foodtech (qui il regolamento).

 

 

 

La prima tappa di questo percorso sarà ospitata dall’Università degli Studi di Bari Aldo Moro.

Resto al Sud Hackathon Tour Bari si articolerà in due momenti:

 

1 – una Call for Proposal online gestita attraverso questa piattaforma, durante la quale verranno raccolte le proposte di progetto;

 

2 – un Workshop finale, riservato ai progetti finalisti.

 

Al Workshop finale di Resto al Sud Hackathon Tour Bari, che si svolgerà il 29 e 30 novembre 2019 presso il Centro di Eccellenza per l’Innovazione e la Creatività dell’ateneo, potranno accedere i migliori progetti. In quell’occasione, i partecipanti avranno l’occasione di approfondire e migliorare le proprie proposte, seguiti da un team di mentor in un workshop di accelerazione, per presentarle nell’ultima fase ad una giuria di esperti. Il progetto vincitore sarà premiato con un’opportunità di accrescimento delle competenze presso importanti realtà internazionali.

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter