Il primo bus a guida autonoma. A Merano guida l'intelligenza artificiale
#SIOS19 12402 Biglietti
Registrati

Ultimo aggiornamento il 28 novembre 2019 alle 6:31

Il bus elettrico a guida autonoma in Italia. A Merano guida l’intelligenza artificiale

Per ora è soltanto un test. Fino al primo dicembre cittadini e turisti potranno visitare il centro storico con un nuovo alleato tech nel trasporto pubblico

Il centro storico di Merano, in Alto Adige, diventa laboratorio per testare il primo bus elettrico a guida autonoma che sfrutta l’intelligenza artificiale per imparare il percorso in sicurezza. Avviata il 25 novembre, la sperimentazione durerà fino al primo dicembre come si legge sul sito dell’amministrazione ed è il primo tentativo mai messo in campo da un comune italiano.

In attesa del 5G

Lo shuttle è stato fornito alla città altoatesina dall’azienda francese NAVYA, specializzata nella realizzazione di veicoli intelligenti, elettrici e self driving. Sensori e telecamere sono l’equipaggiamento tech che assicura non soltanto i passeggeri, ma anche gli utenti della strada. Come vi abbiamo già spiegato, prima di diventare un’abitudine affidabile i veicoli a guida autonoma necessiteranno sempre di più della distribuzione capillare della rete 5G. La tecnologia al centro dello scontro diplomatico tra Usa e Cina è imprescindibile se si vuole che un’auto parli con altri oggetti smart e si orienti in città.

Leggi anche: Il primo treno a energia solare al mondo sferraglia in Australia

© Fonte: sito Comune di Merano

Merano, un Natale tech

Ma torniamo in Alto Adige. A Merano, dove tutto è pronto per l’inaugurazione dei tradizionali mercatini di Natale, i turisti vivranno un clima di vacanza un pò più tecnologico del solito. Il nuovo shuttle che viene testato in questi giorni in città può portare fino a 12 persone più due tecnici sempre a bordo. Come ha informato il comune, il bus di NAVYA circola dalle 9 alle 17 e ripete sempre la stessa corsa attorno al centro storico.

Leggi anche: Vaia, da tempesta a startup. Gli alberi spazzati via diventano uno stereo naturale

© Fonte: profilo Facebook NAVYA

La sperimentazione di un primo mezzo del trasporto pubblico a guida autonoma in Italia è parte di un progetto più ampio da 1,5 milioni di euro. MENTOR, questo il nome, è un’iniziativa di cooperazione europea che ha coinvolto Merano e il comune svizzero di Briga-Glis come enti capofila e punta a migliorare l’efficienza ecologica dei mezzi pubblici. Oltre al bus elettrico guidato dall’intelligenza artificiale, i progetti in cantiere scommettono sul car pooling e sul bike sharing come alternative green agli spostamenti in città.

Leggi anche: Il tram si aspetta in giardino. A Milano la prima pensilina green

© Fonte: profilo Facebook Merano

 

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter