Make, nasce il Google Maps delle storie sostenibili - Impact
#SIOS19 12456 Biglietti
Registrati

Ultimo aggiornamento il 5 dicembre 2019 alle 17:13

Make, nasce il Google Maps delle storie sostenibili

Inaugurato sulla piattaforma di Onde Alte il database delle idee che fanno innovazione sociale

Dalla piastrella anti-alluvioni al cappello per proteggersi dai terremoti. Le idee più avveniristiche – e forse pure un po’ folli – che hanno come comune denominatore l’innovazione sociale, da oggi trovano casa su Make, la piattaforma della startup Onde Alte (qui il sito ufficiale) della quale abbiamo già parlato e che si arricchisce quindi di una nuova funzione.

Leggi anche: Massimiliano Ventimiglia: “Le diseguaglianze sono in aumento. Ecco perché ho deciso di affrontare le Onde Alte della vita”

Cos’è il repository di Make

Sì, perché, come fanno sapere da Onde Alte, la nuova funzione attiva su Make (qui il database) “fornisce a chi desidera provare a cambiare le cose nel proprio ecosistema, uno strumento ricco di stimoli”. Un vero e proprio Google Maps del Terzo settore e della social innovation per non perdersi nel mare magnum dell’innovazione e per riuscire a mettersi in contatto con chi sta già dando il proprio contributo nel tentativo di migliorare il mondo in cui viviamo.

Leggi anche: Giovani e cibo bio, un matrimonio green che s’ha da fare. Sul web con Onde Alte

Lo strumento, gratis e accessibile a tutti, “va ad arricchire la nostra piattaforma di civic engagement e l’offerta dei canvas”, come illustra ancora la startup di Massimiliano Ventimiglia, “confermando coi fatti la nostra visione e la nostra forte volontà di creare per il meglio, coinvolgendo tutti i soggetti possibili e cercando di dare un contributo di senso, non vincolato necessariamente a scambi monetari”.

Massimiliano Ventimiglia, Ceo e Founder Onde Alte

“La sostenibilità – concludono i ragazzi di Onde Alte – passa anche dalla capacità di condividere conoscenza, con mentalità aperta e voglia genuina di costruire assieme”.

Leggi anche: Onde Alte vi porta “a scuola da Greta”… per hackerare il sistema

Il fruitore può quindi scoprire storie curiose e invenzioni particolari, che coinvolgono marchi importanti o sono frutto della fantasia di illustri sconosciuti qualunque. Si va da progetti di co-housing a comunità per dare una istruzione ai ragazzi che vivono in quartieri disagiati, fino ad arrivare a idee decisamente più stuzzicanti, come robot studiati per assistere gli anziani nella loro quotidianità e droni da fare entrare in servizio dopo le calamità naturali per sopperire alla difficoltà di raggiungere le zone più remote.

Gli esempi, insomma, non mancano, tutti notevoli e ammirevoli e fanno del repository di Make una mappa interattiva della social innovation da tenere d’occhio perché in costante aggiornamento.

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter