CES 2020, Sony presenta la sua prima auto: Vision S (ed è elettrica) - Impact

Ultimo aggiornamento il 7 gennaio 2020 alle 10:29

CES 2020, Sony presenta la sua prima auto: Vision S (ed è elettrica)

Il gruppo nipponico arriva a sorpresa nel mercato dell'automobile e lo fa con un modello sostenibile dalle prestazioni da fuoriserie

Chi attendeva con ansia il CES 2020 (la più grande fiera sull’innovazione tecnologica) sapeva che questa sarebbe stata l’edizione dell’auto elettrica. I dati sempre più allarmanti che arrivano dagli scienziati e la mobilitazione collettiva giovanile di Greta Thunberg hanno portato le case automobilistiche a credere davvero in un mercato attivo da decenni ma mai davvero spinto a dovere. La sorpresa che arriva dagli USA riguarda il marchio: Sony. Il colosso nipponico, famoso per gli elettrodomestici, i cellulari e le console, ora si appresta ad approdare nel mercato delle quattroruote (in realtà, come vedremo, non sarà proprio così) con Vision S.

Cos’è Vision S

Partiamo anzitutto chiarendo un punto: Sony non entra nel mercato automobilistico. Diverrà però un fornitore molto più attivo della componentistica tecnologica. Questo rende Vision S parecchio affascinante, con tutti i distinguo del caso dato che è un prototipo e ha puro scopo dimostrativo.

Potrebbe, insomma, non arrivare mai sul mercato. Per quanto riguarda le specifiche tecniche, Sony fa sapere che Vision S ha due motori da 200 kW (cioè, uno per asse) che le consentono una accelerazione da fuoriserie: da 0 a cento chilometri orari impiega infatti appena 4.8 secondi. Per quanto riguarda la velocità massima è meno entusiasmante e si assesta sui 240 all’ora.

Fortemente voluta dal CEO di Sony, Kenichiro Yoshida, Vision S più che sulle prestazioni vuole essere vetrina dell’alta tecnologia raggiunta dall’azienda nipponica: ecco allora che offre connessione 5G e, ai passeggeri, due ampi widescreen. Non sappiamo invece se monterà una PlayStation 5 “di bordo” (il marchio è stato presentato proprio al CES di quest’anno).

Leggi anche: Honda e, l’elettrica giapponese con un cinema sul cruscotto

La mobilità elettrica si conferma insomma l’asset su cui un sempre maggior numero di aziende vorranno puntare nell’immediato presente. Ma se Vision S ha fatto parlare di sé soprattutto per il marchio che ha dietro (la giapponese Sony), la casa automobilistica più seria in tema di green mobility al CES 2020 è senz’altro BMW che ha presentato il suo prototipo, la i3 Urban Suite, un’auto realizzata con materiali di recupero e legno di provenienza certificata.

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter