Divieto di fumo all'aperto: Milano parte dalle fermate dei bus

Ultimo aggiornamento il 18 gennaio 2020 alle 14:37

Divieto di fumo all’aperto: Milano comincia dalle fermate dei bus

Soltanto una proposta, ma il sindaco Sala vuole inserirla nel regolamento "Aria e clima". In dieci anni obiettivo zero sigarette anche nelle piazze

A Milano il sindaco Beppe Sala ha avanzato la proposta di introdurre il divieto di fumo alle fermate dei bus e dei tram come misura contro l’inquinamento. In questi giorni lo smog è stato uno dei temi più dibattuti: le polveri sottili diffuse nell’ambiente da automobili e impianti di riscaldamento hanno reso sempre meno salubre l’aria che milioni di persone respirano. Il primo cittadino ha anticipato anche quello che potrebbe essere uno scenario futuro sotto la Madonnina: ci sarebbe un piano per estendere in città, entro il 2030, il divieto di fumo a tutti i luoghi pubblici all’aperto.

Leggi anche: La mappa interattiva dell’inquinamento. Le città da bollino rosso

Quanto inquina il fumo?

La proposta di proibire il fumo alle fermate dei bus e dei tram a Milano dovrà essere discussa dal Consiglio Comunale nei prossimi mesi e il sindaco Sala ha già dichiarato di voler inserire il divieto nel nuovo regolamento “Aria e clima”. L’impronta ecologica delle sigarette rappresenta lo 0,2% di emissioni globali di anidride carbonica secondo uno studio dell’Imperial College di Londra, che ha pubblicato dati sull’intera filiera del tabacco: 84 milioni di tonnellate di CO2 vengono emesse ogni anno per soddisfare la domanda globale. Sotto la voce inquinamento rientra anche la sporcizia, come quella di montagne di mozziconi che fumatori poco educati buttano per terra incuranti del decoro urbano.

Leggi anche: Milano capitale dei giardini pensili. Maran: “12 milioni di metri quadri verdi sui tetti”

© Fonte: profilo Facebook Comune di Milano

In Italia il divieto di fumo in bar e ristoranti è stato introdotto nel 2003 dalla Legge Sirchia: a quasi vent’anni di distanza i benefici sono ammessi in coro da fumatori e non fumatori. Ci sarà unanimità anche sulla proposta di Sala? Intanto a Milano si sono già mossi due atenei, l’Università Statale e l’Università Bicocca, che hanno detto basta alle sigarette nei cortili.

Leggi anche: Il tram si aspetta in giardino. A Milano la prima pensilina green

 

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter