Ikea smonta i parcheggi. Nel negozio di Vienna si va solo a piedi o in bici

Ultimo aggiornamento il 10 febbraio 2020 alle 7:11

Ikea “smonta” i parcheggi. Nel negozio di Vienna si andrà solo a piedi o in bici

In pieno centro, il nuovo store avrà anche un parco pubblico sul tetto. E 160 alberi a decorare le facciate dell'edificio

Forse in Italia non saremmo ancora pronti ad accettare uno store Ikea del genere. Per rifare il salotto o comprare una nuova cucina alla Mecca del design low cost preferiamo la macchina a qualsiasi altro mezzo di trasporto. Ma la multinazionale svedese ha in cantiere una riconversione green dei propri negozi, partendo da Vienna, dove non ci sarà nessun parcheggio auto, ma soltanto rastrelliere e molto spazio per chi viene a piedi o con i mezzi pubblici. L’edificio sorgerà nel centro della capitale austriaca, vicino a una fermata del tram e a pochi minuti dalla stazione della metropolitana.

Leggi anche: Arredare le auto a guida autonoma

© Fonte: sito Querkraft

Sul tetto Ikea anche un parco

«I posti auto non sono necessari: non esiste un prodotto che richieda l’utilizzo di una macchina per essere comprato». Così lo studio Querkraft ha motivato la scelta di non prevedere parcheggi per il nuovo negozio Ikea di Vienna, un palazzo green con un tetto aperto dove verrà piantato un parco pubblico. Proprio come a Milano, il verde urbano ha l’obiettivo di ridurre le isole di calore soprattutto nei mesi più caldi, quando il mix di caldo e inquinamento peggiora la qualità dell’aria.

Leggi anche: Milano capitale dei giardini pensili. Maran: “12 milioni di metri quadri verdi sui tetti”

© Fonte: sito Querkraft

I piani viennesi di Ikea mirano a decorare il nuovo negozio con 160 alberi, che abbelliranno tutti i lati del palazzo, migliorando la qualità dell’aria nel quartiere. La capitale austriaca, come altre città nel mondo, si sta adoperando per realizzare nuovi parchi e contrastare i cambiamenti climatici anche grazie a un’architettura più green e sostenibile. Senza più parcheggi auto gli affari continueranno: chi vorrà acquistare un divano nuovo dovrà soltanto lasciar l’auto a casa, risparmiando sul portafoglio e riducendo il traffico urbano. Per la consegna a domicilio ci penserà l’azienda.

Leggi anche: Il tram si aspetta in giardino. A Milano la prima pensilina green

 

 

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter