Pannelli solari sul bus: così FlixBus risparmia sul carburante

Ultimo aggiornamento il 6 febbraio 2020 alle 11:40

Pannelli solari sul bus: così FlixBus risparmia sul carburante

Sulla linea Dortmund-Londra il bus testato risparmia 10 litri di carburante al giorno. Entro il 2030 l'azienda punta alle emissioni zero

Finora è stato soltanto un progetto pilota lungo la linea Dortmund-Londra, ma ha già garantito un risparmio medio di 1,7 litri di carburante ogni 100 chilometri. Grazie a pannelli solari installati sul tettuccio, FlixBus ha in cantiere di riconvertire la propria flotta in ottica green per raggiungere l’obiettivo di zero emissioni entro il 2030. Durante il test l’azienda tedesca – ex startup – ha ridotto del 7% i consumi di carburante riducendo al tempo stesso le emissioni di CO2. L’obiettivo è ambizioso, soprattutto alla luce dei numeri dell’azienda: 2.500 destinazioni in Europa e 400mila collegamenti quotidiani.

Leggi anche: Milano e i bus senza conducente: l’idea di un test sulla linea 90/91

© Fonte: profilo Facebook FlixBus

FlixBus, flotta sempre più green

FlixBus ha avviato questo progetto pilota di bus che vanno anche a pannelli solari grazie alla collaborazione con  l’operatore olandese Kupers Touringscars, responsabile della linea Dortmund-Londra, e TRAILAR, una società britannica che lavora proprio per ridurre l’impatto ambientale delle flotte commerciali. «Con questo progetto –  ha dichiarato Jesper Vis, Managing Director di FlixBus BeNeLux – intendiamo contribuire a rendere accessibili a un numero sempre maggiore di passeggeri nuove forme di mobilità innovative ed ecocompatibili. Sulla base dei risultati, valuteremo la possibilità di estendere il progetto a più autobus o addirittura a tutti i mezzi della nostra rete».

Leggi anche: Milano capitale dei giardini pensili. Maran: “12 milioni di metri quadri verdi sui tetti”

© Fonte: profilo Facebook FlixBus

L’autobus che va a pannelli solari lungo la Dortmund-Londra viaggia soltanto due volte a settimana, ma ogni giorno risparmia fino a 10 litri di carburante. Oltre al risparmio dal benzinaio, l’energia generata grazie a questi specchi green serve anche per attivare altri servizi a bordo come le porte USB, l’aria condizionata e il Wi-Fi. Questa novità si aggiunge ad altri sforzi green che FlixBus ha portato avanti per mettere su strada mezzi più ecosostenibili possibili: come quelli elettrici utilizzati sulle lunghe percorrenze, o i bus a a idrogeno inaugurati pochi mesi fa.

Leggi anche: Il tram si aspetta in giardino. A Milano la prima pensilina green

© Fonte: profilo Facebook FlixBus

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter