Mattoncini in canna da zucchero e legno. Lego dà l'addio alla plastica

Ultimo aggiornamento il 11 febbraio 2020 alle 8:55

Mattoncini in canna da zucchero e legno. Lego dà l’addio alla plastica

L'azienda vuole raggiungere l'obiettivo entro il 2030. La strada è lunga: finora soltanto il 2% della produzione proviene da fonti green

Ogni giorno la stessa notizia: un’azienda dà l’annuncio di voler abbandonare la plastica per dare un contributo contro i cambiamenti climatici. La danese Lego ha da poco comunicato che entro il 2030 i suoi mattoncini non saranno più in plastica, o meglio, verranno realizzati in plastica utilizzando però fonti green come canna da zucchero e legno. L’operazione è ambiziosa visto che si tratta di riconvertire l’intera produzione nel giro di un decennio. «Non sarà un compito facile», ha dichiarato il CEO Niels B. Christiansen, a capo di una multinazionale del giocattolo che nel 2015 aveva stanziato qualcosa come un miliardo di dollari per studiare e sviluppare materiale ecosostenibili.

Lego: Tesla nel mondo Lego. 10mila fan (e un influencer) vogliono il Cybertruck

© Fonte: profilo Facebook Lego

Lego: la strada green è lunga

Di tutti i mattoncini in circolazione soltanto il 2% è fatto di materiali green. Tra questi, per esempio, ci sono quelli fatti in plastica di origine vegetale. La svolta green, questo è stato garantito dall’azienda stessa, non dovrebbe intaccare la qualità e i colori di uno dei giocattoli preferiti sia dai piccini sia dai più grandi, che sempre di più si concedono l’hobby di costruire modellini d’auto, navi spaziali e tanto altro.

Leggi anche: Arrivano i mattoncini vegetali. E saranno gratis fino al 17 agosto

© Fonte: profilo Facebook Lego

Al momento l’azienda sta già testando diversi materiali che, prima di esser approvati, devono rispettare alti standard di qualità e giocabilità. Ne sanno qualcosa i migliaia di fan che hanno chiesto all’azienda di mettere in produzione il modellino del Cybertruck di Tesla: prima di essere battezzato, qualsiasi progetto deve passare sotto la severa lente di ingegneri e designer.

Leggi anche: Che mondo sarebbe senza plastica. Il sogno green di Nutella

© Fonte: profilo Facebook Lego

La strada verso le emissioni zero potrebbe essere la più difficile e ambiziosa del prossimo decennio: in campo non c’è soltanto Lego, ma anche compagnie aeree e multinazionali del cibo come Nutella.

Leggi anche: Technic Bugatti Chiron: il bolide costruito con un milione di mattoncini

© Fonte: profilo Facebook Lego

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter