Svezia, l'hotel tech galleggia nel ghiaccio. Per essere tutt'uno con la natura

Ultimo aggiornamento il 10 febbraio 2020 alle 11:39

Svezia, l’hotel tech galleggia nel ghiaccio. Per essere tutt’uno con la natura

L'Arctic Bath Hotel è stato inaugurato nella Lapponia svedese e promette esperienze uniche, a impatto ambientale zero

Nei giorni in cui si registrano temperature eccezionalmente alte al Polo Sud (18,3 gradi Celsius) dal capo opposto del pianeta, in Svezia, arrivano le immagini di un hotel che promette gelide esperienze. È l’Arctic Bath Hotel, una struttura alberghiera inaugurata in Lapponia che si compone di un pugno di palafitte costruite in mezzo a un lago ghiacciato per buona parte dell’anno.

La peculiarità dell’Arctic Bath Hotel

Tutte le costruzioni sono realizzate in legno e, assicurano i gestori, nel modo più ecosostenibile possibile. Le camere da letto ricordano, per la forma, le tende delle popolazioni nomadi Inuit e Yupik anche se – viene fatto notare – strizzano l’occhio pure alle capanne che i pescatori usano in inverno, per continuare le proprie attività quando le condizioni meteorologiche si fanno proibitive.

L’uso del legno e le ampie vetrate garantiscono un buon isolamento termico e permettono di sfruttare fino a fondo i timidi raggi di sole nelle poche ore di luce invernale.

Ma la vera particolarità dell’Arctic Bath Hotel è la sua Spa, che per la foggia ricorda le dighe realizzate dai castori.

Vista dall’alto, invece, è una ciambella al cui centro si trova una piscina pensata per bagni tonificanti che solo i più coraggiosi vorranno sperimentare in pieno inverno, magari subito usciti da una sauna bollente. E, infatti, anche la modella della foto che compare nei social dell’Artic Bath Hotel sembra avere – poverella! – qualche difficoltà a uscire dalla vasca ghiacciata, forse segnata da una simile, gelida, esperienza.

Leggi anche: Ecologico con brio, all’Audemars Piguet Hôtel des Horlogers si scia sul tetto

Le camere da letto, in compenso, sembrano accoglienti e in grado di offrire il dovuto tepore che ci si attende da una struttura alberghiera di lusso sorta in un posto così inospitale.

L’unica, vera, insidia per un simile hotel è rappresentata dal riscaldamento globale. Se anche nell’Artico dovessero registrarsi temperature simili a quelle odierne del Polo Sud – e se questi picchi diventassero la norma – l’Arctic Bath Hotel rischierebbe di diventare un comunissimo albergo vista lago.

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter