La manta volante di Airbus punta sul taglio delle emissioni - Impact

Ultimo aggiornamento il 12 febbraio 2020 alle 12:40

La manta volante di Airbus punta sul taglio delle emissioni

Il costruttore europeo di aeromobili ha appena presentato al Singapore Air Show "Maveric", un bizzarro velivolo che si ripromette di essere amico dell'ambiente

Leggi Maveric e pensi subito all’asso dei cieli di Top Gun interpretato nel 1986 da un giovanissimo Tom Cruise e, 34 anni dopo, da un attore ormai rifattissimo. E poco importa che quel Maveric fosse scritto con la “k”. Del resto nemmeno l’Airbus è un caccia, per quanto la forma alla lontana lo ricordi.

Cos’è la manta di Airbus

Fresco di presentazione al Singapore Air Show, Maveric ricorda una manta per via della sua conformazione “blended wing body”, che integra la fusoliera all’interno delle ali. Una decisione curiosa dato che si tratta di un velivolo commerciale, destinato, come è possibile vedere dai render tridimensionali degli interni, a trasportare un elevato numero di passeggeri.

Leggi anche: Bird strike, per gli aerei gli stormi sono proiettili. Una startup lavora per la sicurezza dei voli

E la foggia è legata proprio al tema ambientale, che Airbus pare aver messo al centro di ogni  suo progetto (non dimentichiamo comunque che, meno carburante consumano i suoi mezzi, più sono appetibili per le compagnie aeree). Lo ha spiegato, durante la presentazione alla stampa, Adrien Bérard, Maveric Project Co-Leader: “In Airbus, comprendiamo che la società si aspetti di più da noi in termini di miglioramento delle prestazioni ambientali dai nostri aeromobili. La configurazione del corpo dell’ala di Maveric è un potenziale punto di svolta in questo senso e siamo desiderosi di spingere la tecnologia al limite”.

Leggi anche: Albatros come aerei spia: la pesca di frodo si batte grazie al GPS

Secondo Airbus, Maveric, il cui prototipo da 3,2 metri di apertura alare ha effettuato il suo primo volo lo scorso giugno, sarà in grado di tagliare le emissioni di carburante di circa il 20%.

 

 

Il costruttore europeo, tornato da poco numero uno dell’aviazione mondiale davanti all’americana Boeing (in crisi nera per via dei due incidenti mortali del 737 Max che causarono 346 vittime e lo stop cautelare del modello, ne abbiamo parlato qui) ha chiuso il 2019 con il record nelle consegne di jet: 863 in totale e ora prova a consolidare la propria posizione proponendo aerei che paiono usciti da film di fantascienza.

Leggi anche: Air Italy, Gandalf, Volare, Eurofly, MyAir, WindJet, AirOne, Livingston e tante altre. Gli italiani non sanno più volare

 

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter