Riconoscimento facciale per pesci. L'occhio di Google studia gli oceani
single.php

Ultimo aggiornamento il 2 marzo 2020 alle 16:55

Riconoscimento facciale per pesci. L’occhio di Google studia gli oceani

Alphabet, l'holding di Sundar Pichai, sta lavorando a Tidal, un progetto per conoscere e tutelare gli ambienti marini

Il più grande motore di ricerca al mondo vuole scoprire cosa succede sott’acqua. Alphabet, la holding di Sundar Pichai (CEO di Google) ha presentato le incoraggianti prospettive della tecnologia Tidal, una telecamera subacquea che sfrutta la computer vision e l’intelligenza artificiale per tracciare i movimenti e prevedere i comportamenti dei pesci. Sono tre anni che la divisione X, voluta dai Founder di Google Larry PageSergey Brin, sta lavorando allo sviluppo di questa sorta di riconoscimento facciale per pesci perché «il GPS e il WiFi non funzionano sott’acqua», come ha scritto Neil Davé, responsabile del progetto. Ma qual è il motivo di tutto questo? Conosciamo poco gli oceani: per proteggere le specie e lottare contro l’inquinamento dobbiamo avere più occhi possibili per far chiarezza sulle sfide future.

Leggi anche: Rumore sottomarino: così la nostra tecnologia sta facendo impazzire i pesci

© Fonte: Tidal

Google si dà all’ittica

Alphabet ha lavorato tra Europa e Asia per capire come affinare l’occhio tech di Tidal. Grazie a telecamere in grado a resistere alle temperature più rigide e al sale, il movimento dei pesci viene analizzato dal machine learning per valutare possibili anomalie nei comportamenti e informare gli allevatori ittici. «Oggi – ha scritto Davé – le decisioni in materia di salute e benessere di migliaia di pesci si basano sull’osservazione di alcuni singoli pesci che vengono prelevati dall’acqua e ispezionati manualmente. Si tratta di un processo di raccolta dati che richiede tempo, è inaffidabile e impossibile da scalare. Così abbiamo pensato di poter essere d’aiuto».

Leggi anche: Bird strike, per gli aerei gli stormi sono proiettili. Una startup lavora per la sicurezza dei voli

© Foto di W W da Pexels

Il riconoscimento facciale che Google ha pensato per il mondo marino è in grado di tenere d’occhio migliaia di pesci in contemporanea, scoprendone le abitudini alimentari e monitorando livelli di ossigeno e temperatura. Materiale prezioso per gli allevatori che hanno così più informazioni per decidere quanto cibo rilasciare. In futuro Alphabet vorrebbe estendere l’occhio tech di Tidal anche ad altri settori che lavorano negli ecosistemi marini per combattere i cambiamenti climatici e tutelare la vita delle specie.

Leggi anche: Solo il 13% dei mari può dirsi ancora “incontaminato”. Così l’uomo ha addomesticato (e invaso) tutti gli oceani

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter