Aiways U6, metà SUV, metà coupé, metà yacht. L'idea della startup cinese

Ultimo aggiornamento il 12 marzo 2020 alle 6:23

Aiways U6, metà SUV, metà coupé, metà yacht. Il progetto della startup cinese

Più aggressivo della U5, il crossover elettrico sembra destinato a strizzare l'occhio soprattutto ai più giovani

Mentre il mondo (ok, forse stiamo esagerando) è ancora in attesa di U5, Aiways, la startup cinese fondata da Samuel Fu (Co-founder/president) e Gary Gu, presenta già U6. Il nuovo modello conferma l’attenzione per la giovane Casa produttrice per la mobilità elettrica e sarebbe dovuto essere presentato al Salone dell’Auto di Ginevra ma, come sapete, la manifestazione elvetica è stata annullata per i rischi legati alla diffusione del Coronavirus e così non è rimasta alternativa che una conferenza stampa organizzata frettolosamente su Internet per giornalisti e appassionati.

Leggi anche: Il Coronavirus fa saltare il Salone dell’Auto di Ginevra

Cos’è Aiways U6

Disegnata da una vera celebrità del settore, Ken Okuyama (proviene dagli studi di Pininfarina), Aiways U6 è un bizzarro quanto intrigante crossover che tenta di unire due mondi all’apparenza antitetici: quello del SUV e quello dei coupé. E visto che non c’è limite alla fantasia dell’uomo, tutto è stato fuso sotto una scocca che, dicono dalla startup cinese, ha preso ispirazione dagli yacht e dalle barche più lussuose del mondo.

Per completare il quadro, la giovane realtà che viene dall’Oriente ha voluto creare qualcosa che piacesse soprattutto ai giovani, da lì l’idea di presentare la U6 in versione bicolore, arancione e nero, caratteristica che si ritrova anche sui cerchi delle ruote.

Leggi anche: M-Byte, l’auto elettrica (simile a un salotto) pensata da una startup cinese

Cosa c’è sotto il cofano della U6

Quanto alle prestazioni, Aiways non le ha volute ancora comunicare, perciò può essere utile richiamare qui quelle della ventura U5 (in Europa dovrebbe arrivare la prossima estate) dal momento che è basata sulla medesima piattaforma. La U5 potrà contare su 190 cavalli che le consentiranno una velocità massima di 140 chilometri all’ora e su batterie al litio da 63 kWh, capaci di garantire un’autonomia dichiarata di circa 460 km.

Con la U5, gli ingegneri della Aiways sono entrati nel Guinness dei Primati per aver guidato due prototipi dalla Cina alla Germania, per un totale di oltre 15mila chilometri macinati. Si tratta della maggiore distanza mai coperta finora da un’auto elettrica. Rispetto alla U5, la U6 presenta però un design molto più aggressivo, quasi muscoloso, segno che qualcosa è cambiato anche sotto la carrozzeria?

Leggi anche: L’elettrica a fisarmonica. Si allunga e si accorcia. Renault imita i Transformers

 

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter