BMW reagisce alla crisi dell'auto: 30 miliardi di investimenti su green e tech

Ultimo aggiornamento il 20 marzo 2020 alle 6:35

BMW reagisce alla crisi dell’auto: 30 miliardi di investimenti su green e tech

La casa automobilistica tedesca ha annunciato un piano in Ricerca e Sviluppo per puntare sulla mobilità elettrica

Le ultime settimane hanno segnato l’inizio di una nuova crisi per il mondo delle quattro ruote. La pandemia in corso ha visto cali impressionanti nelle immatricolazioni in Cina, il più grande produttore d’auto, mentre nel Vecchio Continente non si contano più gli stabilimenti che hanno scelto di chiudere per contrastare il contagio del coronavirus. In un momento così delicato il settore però non si ferma: BMW ha appena annunciato che da qui al 2025 investire 30 miliardi di euro su Ricerca e Sviluppo per continuare a sviluppare la mobilità del futuro. Nell’inedita edizione online del Salone dell’Automobile di Ginevra, il trend dell’elettrico si è confermato tra i più marcati.

Leggi anche: AP-0, la super elettrica di Apex con un radar sul tetto

© Fonte: Profilo Facebook BMW

BMW, corsa all’elettrico

La casa automobilistica tedesca ha chiuso tutti i propri impianti europei fino al 19 aprile per mettere in sicurezza la salute di tutti, evitando la diffusione del coronavirus. Questo non ha impedito però a BMW di annunciare il suo piano di investimento verso l’elettrificazione. «Le nuove tecnologie sono fondamentali per il futuro della mobilità – ha dichiarato Oliver Zipse, il Presidente del Consiglio di Amministrazione – Fino al 2025, intendiamo investire oltre 30 miliardi di euro in ricerca e sviluppo per consolidare la nostra posizione di leader dell’innovazione. Ciò esprime anche la nostra fiducia per il futuro sviluppo del business. La capacità di integrare diverse tecnologie per formare un sistema completo è di vitale importanza».

Leggi anche: BMW Concept i4, Gran Coupé elettrico da 530 cv e 600Km d’autonomia

© Fonte: Profilo Twitter BMW Italia

Tra le auto su cui la casa automobilistica sta puntando c’è la i3, in crescita per il sesto anno consecutivo, mentre nei prossimi mesi inizierà la produzione del suv iX3 in Cina e, dal 2021, sarà il turno della iNEXT e della i4.

Leggi anche: La 108 vivrà ancora (da elettrica). Peugeot vuole una citycar green

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter