Bulli, il furgoncino hippy diventa elettrico. E mette il cambio automatico

Ultimo aggiornamento il 26 marzo 2020 alle 6:25

Bulli, il furgoncino hippy diventa elettrico. E mette il cambio automatico

Fedeli al loro predecessore, i nuovi veicoli Volkswagen fanno rinascere un mito degli anni Sessanta

Gli anni Sessanta più tecnologici e green di sempre. Volkswagen ha annunciato l’imminente produzione del suo storico furgoncino Bulli in versione elettrica, per la gioia dei nostalgici e per chi sogna ancora vacanze on the road all’inseguimento dei migliori concerti. La casa automobilistica tedesca, che avrebbe dovuto presentare il veicolo all’edizione del Techno-Classica di Essen di fine marzo (annullata per l’emergenza coronavirus), non ha rinunciato all’annuncio online della riconversione elettrica di una delle sue quattro ruote più iconiche. Prodotto per la prima volta nel 1966, il furgoncino è entrato nell’immaginario collettivo come simbolo di libertà per tante generazioni.

Leggi anche: Model Y, il Suv 100% elettrico di Tesla arriva in strada

© Fonte: profilo Facebook Volkswagen

Bulli: tornano i favolosi Sessanta

L’autonomia del furgoncino Volkswagen sarà di circa 200 km e la velocità massima di 130 km/h. Nel rispetto della tradizione, il veicolo è quasi identico al suo predecessore, fatta eccezione per alcuni componenti tecnologiche che consentono il risparmio energetico, come le luci LED. In 40 minuti sarà possibile ricaricare fino all’80% della batteria, i cui livelli saranno visibili nel tachimetro vintage. Come gli esterni, anche gli interni del furgoncino Bulli elettrico restano fedeli al veicolo storico (immancabili il tettuccio e il pavimento in legno).

Leggi anche: BMW reagisce alla crisi dell’auto: 30 miliardi di investimenti su green e tech

Non sarà il veicolo elettrico più tecnologico in circolazione – e ne abbiamo visti tanti nell’ultima (e inedita) edizione online del Salone dell’Auto di Ginevra – ma fa un certo effetto vedere il furgoncino icona del mondo hippy con il cambio automatico. A bordo c’è anche un tablet per gestire tutte le funzionalità dell’auto, compresa quella dell’intrattenimento. Il costo non è basso (oltre i 60mila euro), tanto che Volkswagen è disposta anche a fermare la produzione se il Bulli elettrico non dovesse sfondare sul mercato. Chi già possiede un furgoncino vintage deve fare i conti con restrizione sulla circolazione dei veicoli più inquinanti. Il Bulli elettrico verrà in loro soccorso.

Leggi anche: Ricordate Isetta? Ora arriva Microlino 2.0. L’elettrica tascabile

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter