Coronavirus | Da domani sciopero dei benzinai:"Manca sicurezza sanitaria"

Ultimo aggiornamento il 24 marzo 2020 alle 18:04

Coronavirus | Lo sciopero dei benzinai: “Manca sicurezza sanitaria”

La misura riguarda autostrade, raccordi, tangenziali e città. La decisione di Faib, Fegica e Figisc/Anisa

Da domani, mercoledì 25 marzo, inizia lo sciopero dei benzinai in Italia. L’annuncio è arrivato in una nota sottoscritta da Faib (Confesercenti), Fegica (Cisl), Figisc/Anisa (Confcommercio) che hanno deciso di incrociare le braccia. «Noi, da soli – si legge – non siamo più nelle condizioni di assicurare né il necessario livello di sicurezza sanitaria, né la sostenibilità economica del servizio. Di conseguenza gli impianti di rifornimento carburanti semplicemente cominceranno a chiudere: da mercoledì notte quelli della rete autostradale, compresi raccordi e tangenziali; e, via via, tutti gli altri anche lungo la viabilità ordinaria».

Leggi anche: Coronavirus, FCA produrrà respiratori e mascherine

Lo sciopero dei benzinai: come funziona

Da domani notte, secondo quanto si legge nella nota, inizieranno a chiudere i punti di rifornimento lungo le autostrade. Lo sciopero dei benzinai riguarderà anche i raccordi e le tangenziali, fino ai centri urbani, dove in queste settimane l’emergenza coronavirus ha svuotato le strade, riducendo di molto il traffico automobilistico. Situazione che ha spinto le sigle sindacali fino a questa decisione. «In un Paese che – malgrado i limiti strutturali e l’assoluta drammaticità della situazione – cerca e spesso trova il modo per far scattare meccanismi di solidarietà, c’è una categoria di persone, oltre 100.000 in tutta Italia, che, senza alcuna menzione, ha finora assicurato, senza alcun sostegno né di natura economica, né con attrezzatura sanitaria adeguata, il pubblico servizio essenziale di distribuzione di energia e carburanti per il trasporto di beni e persone».

Leggi anche: Coronavirus, gli aerei sono a terra, Ryanair li usa per il soccorso

L’Italia continua a vivere giorni difficili, sia per quanto riguarda la salute pubblica, sia per le difficoltà vissute dal mondo del lavoro di fronte alle necessarie misure di tutela della sicurezza sanitaria. Negli ultimi giorni sono stati diversi i casi di sciopero dentro le fabbriche, dopo che il Governo Conte ha approvato l’ultimo decreto per restringere il numero di settori e attività necessarie da mantenere aperte fino al termine dell’emergenza coronavirus.

Leggi anche: Coronavirus | L’elenco delle aziende che rimangono aperte 

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter