Hyundai Kona Electric, ecco il Model Year 2020. Si ricarica più in fretta

Ultimo aggiornamento il 30 marzo 2020 alle 6:28

Hyundai Kona Electric, ecco il Model Year 2020. Si ricarica più in fretta

La Casa coreana presenta una nuova versione del suo Suv 100% elettrico. La novità principale riguarda il caricabatterie

Sebbene non sia probabilmente un restyling vero e proprio, difficile che i proprietari della Hyundai Kona Electric facciano i salti di gioia alla notizia dell’arrivo in Italia della Model Year 2020. Considerato infatti quanto costano le auto elettriche, subire un’accelerazione nella svalutazione per l’arrivo di un modello nuovo può essere una operazione commerciale che i più non perdoneranno in fretta alla Casa coreana.

Cos’è la Hyundai Kona Electric Model Year 2020

La novità principale – forse la sola di rilievo- portata in dote dalla nuova Hyundai Kona Electric, stante la somiglianza con la versione già commercializzata, è senz’altro il nuovo caricatore di bordo trifase da 10.5 kW. Sulla versione da 64 kWh, dice Hyundai, consente di abbattere i tempi di ricarica fino al 23% a patto però di avvalersi di una colonnina di ricarica in corrente alternata o di una wallbox compatibile.

A proposito di batterie, sono sempre due i pacchi disponibili: da 39.2 kWh con autonomia fino a 289 km oppure da 64 kWh con una autonomia dichiarata di 449 km con una sola ricarica (ciclo medio combinato WLTP).

L’altra novità riguarda invece gli interni, su cui (come da immagine) spicca l’infotainment Hyundai BlueLink che dialogherà con il conducente attraverso uno schermo da 7 pollici. Può essere collegato anche alle apposite app per smartphone, così da avere una visione completa sullo stato di salute della vettura, operando alcune modifiche pure da remoto.

Leggi anche: Aiways U6, metà SUV, metà coupé, metà yacht. Il progetto della startup cinese

Il sistema operativo di bordo assicura infatti connettività Android Auto e Apple CarPlay. A seconda della versione scelta tra XPrime ed Excellence, permette di attivare la retrocamera, Cluster SuperVision ad alta definizione che, assieme ai sensori posteriori, facilita il parcheggio. Completano la dotazione standard il sistema di mantenimento attivo della corsia e il sistema di rilevamento della stanchezza del conducente.

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter