Polestar 2, l'elettrica che rispetta gli animali con interni "vegani"

Ultimo aggiornamento il 31 marzo 2020 alle 6:46

Polestar 2, dalla Svezia l’elettrica che rispetta gli animali con interni “vegani”

Un'auto sostenibile sotto tutti i punti di vista. Sul mercato entro l'estate

Il mondo delle quattro ruote è sempre più abituato alle presentazioni online. Da quando il Salone di Ginevra è stato annullato per l’emergenza coronavirus, le case automobilistiche hanno aperto i propri showroom online per ingolosire gli appassionati e continuare a presentare le ultime creazioni. Una di queste è la svedese Polestar 2, un’automobile 100% elettrica che in questi giorni inizia a esser fabbricata in Cina, dove il mondo dell’industria inizia a riprendere ritmo dopo le chiusure dovute alla quarantena. Secondo gli ultimi dati il febbraio 2020 è stato un mese nero per le immatricolazione nel paese del Dragone, il primo produttore al mondo di automobili.

Leggi anche: Coronavirus | Ferrari vuole riaprire già ad aprile

Polestar 2: amica degli animali

La Polestar 2 ha una autonomia di 470 chilometri e la sua sostenibilità non si basa soltanto sulle emissioni zero. Sul sito ufficiale, la casa automobilistica svedese tiene a precisare che gli interni della sua nuova quattro ruote sono vegani, ovvero non utilizzano pelle di origine animale. Un curriculum green niente male che, grazie alla tecnologia a bordo, porta il prezzo dell’automobile a sfiorare i 60mila euro. Come si legge sul sito ufficiale, la Polester 2 è in grado di arrivare a 100 chilometri all’ora in meno di 5 secondi.

Leggi anche: Hyundai Kona Electric, ecco il Model Year 2020. Si ricarica più in fretta

Secondo le previsioni, anche se non è facile stabilire come reagirà il mercato dell’auto all’emergenza pandemia ancora in corso, la Polestar 2 dovrebbe arrivare sul mercato europeo entro l’estate, per poi essere venduta sui mercati americani e cinesi. A bordo questa elettrica monta dispositivi tecnologici come il riconoscimento vocale e un sistema di infotainment interamente gestito da Android con la possibilità di navigare su Google Play store.

Leggi anche: Bulli, il furgoncino hippy diventa elettrico. E mette il cambio automatico

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter