Impact investing, una mano alle startup per affrontare l'emergenza Covid
In collaborazione con Logo Content By

Apr 8, 2020

Impact investing, una mano alle startup per affrontare l’emergenza coronavirus

Investimenti in partecipazioni di minoranza con rendimenti calmierati e percorsi di empowerment su misura: è l’offerta integrata di Fondazione Social Venture Giordano Dell’Amore

Apr 8, 2020

Impact investing, una mano alle startup per affrontare l’emergenza coronavirus

Investimenti in partecipazioni di minoranza con rendimenti calmierati e percorsi di empowerment su misura: è l’offerta integrata di Fondazione Social Venture Giordano Dell’Amore

Per quanto risulti un fenomeno ancora poco diffuso e conosciuto, l’impact investing (qui per approfondire) sta innescando processi di innovazione concreti, con l’impegno a supportare – ora più che mai – startup e imprese capaci di offrire soluzioni innovative alle esigenze più impellenti e in diversi settori: welfare, healthcare, education, wellness, digital trasformation, etc.

Leggi anche: Investimenti a impatto a quota 502 miliardi nel mondo. +120.2% rispetto al 2017

Oltre l’emergenza, un supporto nel medio-lungo periodo

Non vi è dubbio che per incidere in maniera significativa nell’immediato, facendo fronte all’emergenza, sia indispensabile l’azione corale svolta da enti pubblici e soggetti privati; basti pensare al fondo speciale costituito da Fondazione Cariplo, che insieme alle Fondazioni di Comunità locali ha raccolto oltre 47 milioni di euro per aggregare risorse a favore dei servizi alle persone più fragili, sostenendo le associazioni e gli enti non profit nella difficile situazione derivante dall’emergenza sanitaria da COVID-19.

Tuttavia, nell’operare con lungimiranza su un orizzonte temporale di medio-lungo periodo, anche gli investitori – tradizionali o a impatto – ricoprono un ruolo cruciale nel prevenire e mitigare gli effetti socio-economici generati dalla crisi. Possono, infatti, supportare – attraverso l’offerta di capitali e competenze – lo sviluppo di iniziative imprenditoriali in grado di mettere in campo idee, prodotti e servizi innovativi.
È il caso di Fondazione Social Venture Giordano Dell’Amore, che coniuga – accanto alle tradizionali attività di investimento – l’offerta di percorsi di empowerment per start-up, supportando iniziative o aree d’impatto talvolta sotto-capitalizzate o poste al di fuori del radar degli investitori tradizionali.

Impact investing: un’opportunità per diverse forme di impresa e startup

La Fondazione Social Venture Giordano Dell’Amore opera nel settore dell’impact investing con un approccio assimilabile al “social venture capital”, investendo tipicamente con partecipazioni di minoranza e obiettivi di rendimento calmierati su orizzonti temporali di medio-lungo periodo.

Il perseguimento di un impatto è per la Fondazione indipendente dalla forma giuridica delle iniziative, dal momento che adotta una definizione più ampia di “imprenditoria sociale”, inclusiva dei soggetti non profit (cooperative, imprese sociali), ibridi (SIAVS, Società Benefit, B-Corp) e profit (startup innovative o altre società di capitali). Talvolta, in funzione della forma giuridica delle società che intendono candidarsi per un investimento nell’apposito application form sul sito, la Fondazione ricorre a strumenti finanziari partecipativi o ibridi.

Get it!, la Call For Impact per supportare idee e start-up a impatto

Accanto al principale “Gate” di accesso diretto agli investimenti – idoneo per imprese e start-up più strutturate – Fondazione Social Venture Giordano Dell’Amore mette a disposizione degli imprenditori sociali anche Get it! – Percorso di Valore, il programma realizzato in collaborazione con Cariplo Factory che si rivolge alle iniziative imprenditoriali in fase iniziale. La nuova Call For Impact multi-settoriale lanciata lo scorso 6 febbraio – e ancora in corso – consente a idee e start-up a impatto l’accesso gratuito ai percorsi di incubazione/accelerazione e mentorship in tutt’Italia e della durata di 3+3 mesi. Offre, inoltre, un rimborso per le spese di partecipazione e l’opportunità di beneficiare dell’investimento da parte della Fondazione o di altri investitori.

Marco Gerevini, Consigliere di amministrazione della Fondazione Social Venture GDA

Candida la tua iniziativa a un investimento o a Get it!

“Il momento di instabilità che stiamo attraversando sta mettendo a dura prova il tessuto imprenditoriale del nostro Paese, obbligandoci a ripensare molti modelli di attività e a ridisegnare gli strumenti finanziari che li sostengono. Adesso più che mai, come investitori, siamo chiamati a incentivare lo sviluppo di soluzioni che nel medio-lungo periodo siano in grado di esprimere innovazione nei settori maggiormente interessati dalle trasformazioni in atto – penso ai sistemi di welfare, healthcare ed education, ad esempio. In tal senso Get it!, parallelamente all’attività di investimento promossa dalla nostra Fondazione, ci permette di fornire un ampio ventaglio di strumenti e servizi a supporto dell’imprenditoria sociale innovativa, equilibrando l’offerta di competenze e capitali sul mercato e intervenendo lungo tutti gli stadi del ciclo di vita delle imprese”, ha dichiarato Marco Gerevini, Consigliere di amministrazione della Fondazione Social Venture GDA.

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter