Amazon punta alla guida autonoma. Nel mirino la startup Zoox

Ultimo aggiornamento il 9 giugno 2020 alle 11:02

Amazon punta alla guida autonoma. Nel mirino la startup Zoox

Il gigante di Jeff Bezos vuole risparmiare sulle consegne

Il risparmio stimato è di 20 miliardi di dollari all’anno. Non pochi neppure per un gigante come Amazon che, secondo il Wall Street Journal e Bloomberg, sarebbe interessata ad acquistare la startup della Silicon Valley Zoox, specializzata sui veicoli a guida autonoma. «Questa tecnologia è una naturale estensione degli sforzi di Amazon per costruire la propria rete logistica», hanno scritto gli analisti di Morgan Stanley. La multinazionale di Jeff Bezos deve affrontare ogni anno una spesa di circa 90 miliardi di dollari per le spedizioni e l’investimento su Zoox garantirebbe un risparmio consistente. Nessuna cifra è stata comunicata per l’acquisto della startup, che due anni fa era stata valutata per 3,2 miliardi di dollari. Secondo le indiscrezioni Amazon potrebbe stappare un accordo a meno di questa cifra.

Leggi anche: Covid 19 | Più di 80 aerei per la logistica. Amazon rincorre gli ordini

Amazon: il gigante autonomo

Oltre a rincorrere gli ordini esplosi in tutti il mondo dopo lo scoppio della pandemia, Amazon sta affrontando anche una riconversione della propria flotta, sia terrestre sia aerea. Pochi giorni fa l’azienda ha comunicato l’acquisto di nuovi aerei cargo per tenere il giusto ritmo delle consegne negli Stati Uniti; lo scorso anno ha poi inoltrato l’ordine di diverse migliaia di furgoni elettrici alla startup Rivian. Insomma Jeff Bezos è a caccia di startup per impostare il business dei prossimi anni.

Leggi anche: Anche Amazon fa ordini: richiesti 100mila furgoni elettrici a una startup

In un futuro – vicino o lontano, ancora non si sa – potremmo dunque ricevere i pacchi direttamente da veicoli a guida autonoma. Il ricorso ai droni verrebbero dunque affiancato da queste macchine intelligenti, senz’altro più capienti. Lo scorso anno il re dell’e-commerce ha partecipato a un round da 530 milioni di dollari su un’altra startup, Aurora, specializzata in questo settore tecnologico.

Leggi anche: Sapreste guidare la Crew Dragon? Provate il simulatore online di Elon Musk

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter