Covid-19, come sanificare i condizionatori. Le 4 regole da seguire - Impact

Ultimo aggiornamento il 29 giugno 2020 alle 14:54

Covid-19, come sanificare i condizionatori. Le 4 regole da seguire

Non è più possibile procrastinarne l'accensione, ma possono essere uno straordinario veicolo di propagazione del Coronavirus. Ecco come usarli in sicurezza

Sanificare i condizionatori sarà un obbligo in capo tanto ai responsabili degli uffici quanto ai privati. Sappiamo bene cosa si rischia “in tempi normali” se non si puliscono regolarmente i filtri, ora sappiamo per certo che il Covid-19 circola anche grazie alle correnti d’aria. Studi condotti in Cina, per esempio, hanno dimostrato come nei focolai divampati al chiuso, gli infetti si trovassero tutti in linea d’aria rispetto al getto dei condizionatori, mentre è stato risparmiato chi sedeva controvento rispetto alle bocchette d’aerazione.

Sanificare i condizionatori, le regole d’oro

Dato che le temperature stanno ormai rendendo insostenibile la permanenza in casa o in ufficio senza accendere l’aria condizionata, abbiamo chiesto ad Airbank, che ha appena messo in commercio un kit per la sanificazione di questi dispositivi, di condividere con i nostri lettori anche un vademecum con gli step da seguire per assicurare una corretta igiene dell’impianto di raffreddamento in tutta sicurezza.

1 – Igienizzazione e protezione

Prima di procedere con la detersione e la disinfezione del condizionatore, è fondamentale che la persona che si occuperà della procedura si protegga in modo adeguato disinfettando le mani con il gel igienizzante o con una soluzione alcolica (almeno al 60%), per eliminare ogni possibile agente contaminante. Dovrà poi utilizzare guanti monouso e indossare una mascherina, così da proteggere le vie aeree da polvere e batteri che possono disperdersi nell’aria durante le operazioni.

Leggi anche: Caldo africano? Tutti gli incentivi per acquistare un climatizzatore green

2 – Rimuovere sporco e materiale organico dalle superfici

Per sanificare i condizionatori si può iniziare con un’accurata detersione, utilizzando “igienizzanti per ambienti” (contenenti detergenti) per rimuovere sporco e materiale organico che si annidano sulle superfici.

3 – Disinfezione di alette e griglia

La semplice detersione, però, per quanto accurata, non garantisce il completo allontanamento dei contaminanti microbici ed è per questo motivo che è necessario procedere con la disinfezione del condizionatore, utilizzando agenti chimici o fisici con effetto virucida e in grado di uccidere o inibire i microrganismi oppure facendo affidamento al detergente sanificante spray pronto all’uso pensato da Airbank. Si consiglia quindi di procedere con la disinfezione di alette e griglia esterne del condizionatore, utilizzando il detergente sanificante e passandolo con un panno in microfibra.

4 – Disinfezione dei filtri interni e della batteria

È poi necessario procedere con la disinfezione del filtro – rimuovendolo – e della batteria del condizionatore per eliminare possibili batteri (ed eventualmente pure tracce del virus) depositati sul radiatore.

Leggi anche: Estate, attenzione agli sprechi energetici in bolletta. I consigli di Midori

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter