Col Covid 2,5 miliardi di ton di gas serra in meno. Ma economia a pezzi
single.php

Ultimo aggiornamento il 9 luglio 2020 alle 16:26

Col Covid 2,5 miliardi di ton di gas serra in meno. Ma economia a pezzi

La pandemia è costata finora 3.800 miliardi di dollari per il calo dei consumi, oltre alla perdita di 147 milioni di posti di lavoro a tempo pieno

Cieli più puliti, ma industria e più genericamente ogni attività umana in ginocchio. Questo, riassumendo, quanto riporta il primo studio internazionale sugli effetti della pandemia di Covid. Studio coordinato dall’università di Sydney e pubblicato sulla rivista Plos One che ha incrociato i dati delle agenzie statistiche, tra cui Eurostat e UN Comtrade, e dei supercomputer per eseguire i calcoli sui commerci internazionali lungo la catena di rifornimenti che si estende per 221 Paesi.

Leggi anche: Sommersi da 53 milioni di tonnellate di spazzatura tech. L’allarme ONU

Quanto è costato il Covid

Partiamo dai freddi numeri: la pandemia è costata finora 3.800 miliardi di dollari per il calo dei consumi, oltre alla perdita di 147 milioni di posti di lavoro a tempo pieno. I ricercatori hanno visto che i più danneggiati sono stati il settore dei trasporti e quello turistico, mentre a livello geografico i danni maggiori si sono concentrati in Cina, in Europa e negli Stati Uniti, con effetti a cascata multipli sull’intera economia mondiale, per via della globalizzazione.

Leggi anche: La Germania accelera sui green bond, fino a 12 miliardi di euro

Quarantene e lock down per prevenire la diffusione del virus ha innescato un ‘contagio’ economico, con gli effetti principali su commerci, turismo, energia e finanza, alleggerendo però al tempo stesso la pressione ambientale nelle aree più colpite. Lo studio si è basato sui dati raccolti fino al 22 maggio, ed è il primo a dare una panoramica complessiva dell’impatto diretto e indiretto economico, sociale e ambientale.

Almeno l’ambiente respira

L’ambiente invece ci ha guadagnato con il livello più basso di emissioni di gas serra mai osservato, scese di 2,5 miliardi di tonnellate (-4,6%). A livello di emissioni atmosferiche, oltre ai gas serra, sono scesi anche il Pm2.5 (particolato fine) del 3,8%, l’anidride solforosa e ossido di azoto (le emissioni dei combustibili fossili collegati alle malattie respiratorie) del 2,9%.

Leggi anche: I biglietti del bus diventano virtuali: meno carta e meno occasioni di contagio

Oltre al calo dei consumi del 4,2%, pari al Pil della Germania, e della forza lavoro (sempre del 4,2%), sono scesi anche i redditi da salario di 2.100 miliardi (-6%). “Stiamo vivendo il peggior shock economico dalla Grande Depressione, e allo stesso tempo avendo il maggior calo di gas serra delle emissioni da quando si sono iniziati a usare i combustibili fossili”, commenta Arunima Malik, coordinatrice dello studio. Il calo delle emissioni ha “evitato le morti da inquinamento atmosferico – conclude – Altri cali significativi, ma inferiori, dei gas serra si sono avuti durante la crisi finanziaria del 2009 e per il cambiamento di utilizzo della terra dopo il protocollo di Kyoto nel 1998”.

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter