AWorld, è italiana l'app dell'ONU per combattere il cambiamento climatico
single.php

Ultimo aggiornamento il 19 Gennaio 2021 alle 6:57

AWorld, è italiana l’app dell’ONU per combattere il cambiamento climatico

L'azienda ha sede a Torino e New York e ha sviluppato un'app che sensibilizza le persone a uno stile di vita più sostenibile, attraverso tecniche di gamification

AWorld è una startup italiana basata a Torino e New York. Negli scorsi anni, la sua attività per contrastare il cambiamento climatico l’ha portata a vincere numerosi premi, come l’Impact Now 2019 e lo Zurich Innovation 2020. Fino a quando, negli scorsi mesi, l’Organizzazione delle Nazioni Unite l’ha scelta per realizzare l’app ufficiale utilizzata dall’ONU per supportare la campagna globale “ActNow”, contro il climate change. L’applicazione, disponibile per iOS e Android, porta lo stesso nome dell’azienda fondatrice ed è stata lanciata a settembre, in contemporanea con il segretariato delle Nazioni Unite. L’obiettivo è nobile e impegnativo: sensibilizzare il pubblico verso uno stile di vita sempre più all’insegna della sostenibilità.

Leggi anche:
Witty, la startup romana che allunga la vita alle batterie degli smartphone

Per svolgere il suo ruolo, AWorld si propone di accompagnare le persone verso una maggiore consapevolezza e verso un miglioramento del proprio impatto individuale sull’ambiente. “Questo è il momento di cogliere l’attimo e cambiare il corso del nostro futuro verso uno stile di vita più sostenibile”, ha dichiarato Alessandro Armillotta, uno dei cofondatori dell’azienda, insieme a Marco Armellino e Alessandro Lancieri. “Siamo orgogliosi di sostenere le Nazioni Unite in una missione così importante”. AWorld propone contenuti coinvolgenti, incentrati sui temi della sostenibilità e degli strumenti per misurare e incentivare le persone a entrare in azione, per la salvaguardia del pianeta. L’app valorizza pertanto i piccoli gesti quotidiani, in grado di generare un impatto positivo. Dimostrando così che, per vivere in modo più consapevole, è sufficiente modificare alcune scelte quotidiane.

Armillotta,Lancieri e Armellino, fondatori di AWorld

Come funziona AWorld

L’applicazione permette agli utenti di monitorare i miglioramenti nelle proprie abitudini e visualizzare metriche precise dei risparmi generati. Come, ad esempio, i litri d’acqua consumati, i chilogrammi di CO2 emessi e i rifiuti prodotti. Inoltre, per rendere le nuove abitudini più avvincenti, AWorld lancia delle “sfide” collettive, supportate da aziende e istituzioni, che mirano a incentivare il risparmio di risorse da parte della community. Il tutto all’insegna del gioco. L’app si basa infatti su tecniche di gamification, aspetto ritenuto importante dall’ONU, nella scelta di AWorld quale strumento ideale per conseguire gli obiettivi della campagna “ActNow”. Il lancio dell’applicazione è stato sostenuto da ambassador d’eccezione. Da Antonio Banderas, a Joaquin Phoenix, a Susan Sarandon.

Leggi anche:
Cargo bike, perché può sostituire l’auto. In Italia vendite su del 53%

“Ognuno di noi ha la possibilità di limitare il global warming e prendersi cura del pianeta”, ha affermato Martina Donlon, responsabile della sezione Sviluppo Sostenibile nel Dipartimento della Comunicazione Globale delle Nazioni Unite. “L’app AWorld ci aiuterà a coinvolgere sempre più persone. Incentivandole a fare scelte di vita meno impattanti, che contribuiscano a costruire un futuro sostenibile per il pianeta”. La startup italiana ha costruito una vera piattaforma tecnologica, appositamente pensata per l’applicazione. Il sistema di premi, basato sulle azioni sostenibili, collabora con importanti aziende italiane e internazionali. Fra queste, Flow, la nuova mobile bank fondata da Mediolanum, e Green Pea, il centro commerciale sostenibile ideato dai creatori di Eataly. Inoltre, la società di consulenza francese Capgemini supporterà una challenge in Italia, impegnandosi a piantare alberi al raggiungimento di un obiettivo di risparmio di CO2 da parte degli utenti.

AWorld_funzionamento

Un hub della sostenibilità

“Abbiamo scelto di investire 20 mesi di analisi e sviluppo per costruire una soluzione scalabile“, ha sottolineato il cofondatore e CTO di AWorld, Alessandro Lancieri. “Facendo ricorso a tecnologie serverless e blockchain, per garantire alte prestazioni e facilità di integrazione con i sistemi aziendali”. A conferma della bontà del progetto, nel mese di agosto AWorld ha chiuso un round di finanziamento che ha visto l’ingresso di CDP, tramite il fondo AccelerORA!. Hanno partecipato all’investimento anche Digital Magics Spa e un gruppo di angel investor. La strada è dunque tracciata: AWorld si pone come hub italiano e internazionale della sostenibilità. Con l’ambizione di guidare gli utenti nel viaggio verso una maggior consapevolezza. E raccogliere tutti i risultati conseguiti nel proprio percorso di crescita, creando pertanto anche un luogo di incontro e scambio di esperienze e iniziative.

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter

  • Ti potrebbe interessare anche